AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

domenica 18 marzo 2012

E' IL MOMENTO DI TORNARE A VENEZIA

In questa domenica di quasi primavera, voglio donare a me stesso un ritorno a Venezia.

Il teatro Malibran era ai miei tempi anche un cinematografo e non mi sono informato se lo sia ancora oggi. I miei amici veneziani potranno forse colmare questa lacuna



Continuiamo il giro avviandosi verso il ponte di Rialto, ma, in campo San Bartolomeo (dove c'è la statua del Goldoni), ho girato a sinistra invece di andare verso il suddetto ponte. 

Siamo in Calle del Paradiso e, se non mi sbaglio, la maschera qui esposta rappresenta il dottore incaricato di curare  gli ammalati di peste


Siamo alla fine della calle del Paradiso, ma l'Inferno dove sarà?
     A me risulta che esistano  solo più ponti del Diavolo (uno, per esempio, si trova a Torcello)


La foto sottostante non ha niente a che vedere con il giro a Venezia. L'ho scattata solo perché questa piccola cagnetta è la copia perfetta della mia che è morta qualche anno fa. Non vi tragga in inganno l'atteggiamento perché non sta facendo i suoi bisogni. Mentre stavo per scattare, il suo padrone (parola che non mi piace, ma da usare in questo caso) ha fischiato e lei si è girata di scatto in direzione del fischio.


Chiudo con il solito modo di dire tratto dal libro di Gianfranco Siega - "Sensa peli sula lengua"

"Ti xe un (o, 'na) mona"
Sei un(a) mona. La "mona" è l'organo sessuale femminile.

Un aneddoto su questa parola : Cecilia Zeno, fu pregata una volta dal marito Francesco Tron di cedere il suo palchetto di teatro all'ambasciatore di Curlandia in visita a Venezia. Lei lo fece, ma pretese cento ducati e li ottenne. Naturalmente il popolino trovò subito da dire: "E brava la Trona, la vende el palco più caro dela mona!" (penso non ci sia bisogno di traduzione). Sembra che la suddetta rispondesse: "La mona, la Trona el la dona!" (nel senso che non si faceva pagare).

40 commenti:

  1. Ciao Elio son ritornato volentieri con te
    a fare questo giretto per venezia e dico più la vedi e più la trovi bella,
    grazie per le delucidazioni su alcune frasi
    buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziano, grazie e fra poco da te. Buona serata.

      Elimina
  2. mi sono molto divertito a leggere il tuo post, ho imparato anche delle cose nuove :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Carmine, avevo paura che qualcuno non apprezzasse la fine del post, ma ritengo che, se in un certo contesto, certe parole non esprimano volgarità, cosa che personalmente abborro. Buona serata a te.

      Elimina
  3. Interessanti le tue divagazioni linguistiche!
    Buona giornata.
    massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo, stessa risposta che a Carmine e grazie della visita.

      Elimina
  4. sono bellissime le foto !!! ti auguro una buona domenica!!

    PS: ho risposto alla tua domanda nel mio blog, vieni a leggere. ciao.

    RispondiElimina
  5. Sei sempre nobile nelle tue presentazioni, rivedere Venezia è sempre un piacere. Buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il "nobile" Tomaso, ma sono figlio del popolo (lol). Naturalmente ho capito in quale senso tu voglia dirlo e rinnovo il ringraziamento. Buona serata.

      Elimina
  6. Pensa che quella cagnetta assomiglia molto al mio cagnolino che è morto tre anni fa alla veneranda età di 15 anni.
    Belle le foto e anche la frase , molto simpatica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia aveva 17 anni e mezzo, ma quando ci lasciano è sempre un dispiacere, anzi un dolore. Grazie per l'apprezzamento della frase ma, come avrai ben capito, non è farina del mio sacco. Un caro saluto.

      Elimina
  7. Il teatro Malibran, che una volta -come dici tu- era anche un cinema, oggi è solo teatro e pure bello dopo il restauro di qualche anno fa. Ha un'ottima acustica e, quindi, va molto bene per spettacoli musicali e concerti.
    Nel 2009 ho partecipato ad un concerto con il mio coro che, allora, compiva sessant'anni. Un successone!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la conferma, Sergio. La prossima volta cercherò di entrarci. Se penso ai tuoi post, credo di aver capito che fai parte del Coro Marmolada di cui ho cinque CD comperati direttamente presso il vostro presidente che avevo contattato anni fa per uno scambio con il coro di cui io facevo parte. Purtroppo la cosa non si è conclusa ed io ho smesso di cantare per un problema alle corde vocali. Ora canto solo per gli amici quando facciamo qualche festa. Sono un tenore, o meglio, un ex tenore. A presto e viva le glorie del nostro leon.

      Elimina
    2. Io sono ... ancora un baritono! Il prossimo anno usciremo con altri due CD, anzi uno a Natale.

      Elimina
  8. Stai alimentando vieppiù il mio anelito a tornare presto a Venezia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vacci, vacci, Adriano. E' una città diventata ormai troppo commerciale, ma sempre piacevole da visitare. In modo particolare non si deve fare attenzione alle macchine, ma attenzione a non cadere in acqua. Se ci vai dimmelo per tempo che ti darò qualche dritta. Buona serata.

      Elimina
  9. Belle foto di Venezia,son tanti anni che non ci vado,provvederò al più presto!Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olga, come ho detto a molti altri amici, se ci vai dimmelo per tempo e ti manderò delle dritte. A presto.

      Elimina
  10. Grazie mille caro elio..e complimenti ancora per i bei posti che ci fai vedere.....mi sto' innamorando veramente della tua terra....e noto una cosa....la tua tanta nostalgia.....
    Buona vita e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella, anche se mi sono sempre considerato "cittadino del mondo" perché posso abitare in qualsiasi parte, a patto di conoscere la lingua locale, un po' di nostalgia c'è sempre. La colmo ogni tanto con una visita ai miei e con il blog. Buona settimana anche a te ed a presto.

      Elimina
  11. si usa anche a Verona quasi la stessa espressione: cambiano soltanto i toni, sicuramente meno musicali e aperti di quelli veneziani!!!
    Buona settimana Elio

    RispondiElimina
  12. Il problema italiano è che, al contrario di altri paesi europei, abbiamo centinaia di dialetti, ma non è detto che uno sia migliore dell'altro. Tra il veneziano ed il veronese non è che ci sia molta differenza, ma in napoletano come si pronuncierebbe questa frase? Dai dimmelo, o meglio scrivimelo e cercherò di metterci il tono. Ciao ed un amichevole abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Ciao Elio!!! Bellissime le foto!!
    Ti auguro una felice settimana!!!!
    A presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona settimana anche a te.

      Elimina
  14. ciao Elio complimenti come sempre per le foto , molto originali e per i detti molto simpatici, non sapevo da che cosa derivasse il detto, ciao grazie buona settimana rosa a presto.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa ne abbinerò altri quando pubblicherò le foto di Venezia. Un caro saluto.

      Elimina
  15. Ciao, ti invito al mio giveaway in regalo ci sono due bottiglie di vino e 3 vasi di confettura di BACCO NON LO SA, da nn lasciarsi assolutamente sfuggire, troppo buoni!
    Cioa e a presto^_^
    http://lacreativitadianna.blogspot.com/2012/03/5-giveaway-vinci-i-deliziosi-prodotti.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono venuto sul tuo blog e ti ho lasciato un commento. Ciao e grazie della visita.

      Elimina
  16. ciao
    bella Venezia. Le foto che hai fatto sono stupende.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  17. Grazie Roby. Spero ti piaceranno anche le prossime. Buona giornata anche a te ed una carezza ad Hay LIn.

    RispondiElimina
  18. ciao Elio,
    son diventata anche io tua follower^_^!!!
    Sono Italiana vivo in Puglia in provincia di Foggia, credo che tu visualizzi fr. forse xkè abiti in Francia? X quello che ho capito io ora goggle che ha apportato molte modifiche, fa si che io dall'italia se visito blog altrui li vedo con il finale IT. difatti a te vedo cosi il tuo indirizzo http://naldorielio.blogspot.it/!!! Poi nn saprei-.-' cerco anche io di capire che cosa succede al mio blog...mah!!! A presto e benvenuto tra le mie amicizie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, questa proprio non me l'aspettavo perché io ho creato il blog con .fr. Sono gli arcani dell'informatica e staremo a vedere. La Puglia è una delle regioni che preferisco e ci sono stato due volte in vacanza. Buona serata.

      Elimina
  19. Sono passata per un saluto ed ho trovato ad allietarmi queste foto bellissime...grazie!!! :)
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela, sono contento che ti piacciano. A livello fotografico non è che siano chissà cosa, ma sono la mia vita passata dalla nascita ai miei 30 anni a Venezia. A presto.

      Elimina
  20. Sempre spettacolari le tue foto ed i soggetti! Mi piacciono tantissimo le tue massime venete finali e quest'ultima è troppo forte! Certe me le sono dimenticate ma ho avuto la fortuna? di avere una mamma che ad ogni domanda rispondeva con un proverbio! Per cui se le chiedervi: Mamma pioverà oggi, devo prendere l'ombrello? Lei guardava il monte dinnanzi a casa e severamente diceva "se Civillina ha il cappello (nube sopra) non dimenticar l'ombrello.." Ciao caro Elio alla prossima, a voi buona serata

    RispondiElimina
  21. Sai Ornella nelle Dolomiti si dice "Se il Pelmo ha il cappello, non dimenticare l'ombrello". Quindi, come vedi, le massime dei nostri vecchi si assomigliano molto. Ad ogni post su Venezia inserirò un modo di dire che, come ho indicato sulla parte superiore del blog, è ricavato da un libro che mi è stato regalato da mio fratello l'ultima volta che sono stato in famiglia. Un abbraccio a tutta la famiglia.

    RispondiElimina
  22. ciao,bel blog complimenti!!..Mi sono iscritto ai tuoi lettori così ti seguirò sempre perchè il tuo blog è molto interessante.
    Se vuoi passa a visitare anche il mio blog.
    http://ricettedimundo.blogspot.it/
    Lascia un commento oppure iscriviti ai lettori fissi per sapere che sei passata..
    Ciao e a presto

    RispondiElimina
  23. Ci sono così tante cose da vedere a Venezia che i giorni non bastano mai... questo tuo post mi ha fatto proprio venire voglia di tornarci ancora..

    RispondiElimina