AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 18 aprile 2019

ALLERTA

HO DOVUTO PORTARE IL PC DAL DOTTORE PER ELIMINARE DUE VIRUS PRESI NON SO DOVE. SPERO DI NON AVERLI PASSATI A QUALCUNO DI VOI. VI CONSIGLIO DI CONTROLLARE IL VOSTRO COMPUTER.

PER ALTRI PROBLEMI DEVO ANCHE SOSPENDERE IL BLOG PER UNA SETTIMANA ALMENO.

domenica 7 aprile 2019

VENEZIA - TORCELLO

Abbandonata Burano, arriviamo alla terza isola visitabile con i mezzi pubblici. Per le altre bisogna avere un motoscafo privato. Quindi, ecco a voi Torcello che è anche la più prossima alla terraferma. Fu qui che arrivarono i primi abitanti fuggendo dalle guerre e dalle invasioni dei barbari. Il sito era già abitato ma da poche persone che vivevano in modo particolare della pesca e dell'agricoltura. E' anche l'isola dove, si dice, riuscì ad arrivare Attila che non andò oltre perché gli Unni non erano certo dei marinai.



Appena usciti dall'imbarcadero si può vedere un pannello con la pianta di Torcello


Si costaggia il canale di entrata ed il ponte che vedete sullo sfondo viene chiamato "il ponte del Diavolo". Ho già raccontato più volte la leggenda legata a questo ponte ed in ogni caso si può trovare anche su Internet


Statue ritrovate durante differenti scavi (si possono vedere lungo il percorso)




Arriviamo verso la Basilica e rinvio il resto della visita ad un altro post






MODI DI DIRE
Quela nova !
(Quella nuova)



Si usa per dire tutto il contrario e cioé per dire che quello che è stato annunciato è tutt'altro che una novità. Per esempio : "I ga alsa el costo del pan" (Hanno aumentato il costo del pane) e la risposta immediata è "Quela nova". Ricordo che in veneziano la L è muta e quindi si pronuncia " Quea nova".




domenica 31 marzo 2019

UN GATTO SCONTROSO

Fermi tutti !! Sono riuscito a passare per la cucina


Dopo aver finito di mangiare ricomincio con le mie elucubrazioni :

- Detesto l'autuno. Durante l'inverno amo dormire sui termosifoni ben caldi ma l'autunno è una stagione bastarda, fredda e umida. Bisognerebbe che gli umani cominciassero a riflettere sulla possibilità di avvicinare il Sole alla Terra, con un razzo ad esempio.

- Nel mio ultimo sogno, correvo in un grande prato di erba gatta dove gli alberi erano sostituiti da enormi cosce di pollo. Gli uccelli volavano talmente lenti e molto bassi che riuscivo a catturarli e mangiarli. Il campo era attraversato da un fiume di latte dove nuotavano dei salmoni già cotti.
Come analizzerebbe Freud questo sogno? Probabilmente concluderebbe che sono un po' goloso.

- I cani hanno un proprietario, i gatti hanno uno staff.

- Sono sicuro che, in un mondo parallelo, sono gli uomini che sono gli animali domestici dei gatti. Quindi nurriti con scatole o crocchette, un pagliericcio per dormire, delle carezze durante il loro sonno e, in modo particolare, portati dal dentista per il detartraggio.

- Sono già le 14, l'ora della mia siesta. Come, mi date del nullafacente ? Sappiate che i koala dormono circa 20 ore al giorno, cioè quanto un deputato od un senatore.

- Alcuni amano fare la siesta prima del lavoro ed altri dopo il lavoro. Io amo fare la siesta al posto del lavoro.

A proposito di siesta

sabato 23 marzo 2019

VENEZIA - ANCORA BURANO

Ultima carellata fotografica a Burano e la prossima volta saremo a Torcello.














Tonalità di blu differenti









Visto l'estensione fotografica e, preoccupandomi per i vostri occhi, vi risparmio, per oggi, i MODI DI DIRE

domenica 17 marzo 2019

UN GATTO SCONTROSO



Eccomi ancora una volta con voi. Spero che le mie elucubrazioni continuino a piacervi. Attenzione, zero visite e chiedo a Elio di non pubblicarle più. Aiuto !!!

- " Minou, vieni qui. Fammi una carezza, Minou, Minou, è l'ora di mangiare." Non sopporto essere chiamato  "Minou" ! E' un soprannome assolutamente ridicolo che conviene più a un ballerino di bar gay, nella periferia di Limoges piuttosto che a un gatto come me ! Come fare a far loro comprendere che non bisogna più chiamarmi così! Immaginate la vergogna quando uno dei miei congeneri passa nel mio giardino ? Ne arrossisco ancora sotto il mio pelo.

- Ieri sera, ho guardato alla televisione un documentario passionante sull'antico Egitto. Lo sapevate voi che durante questa civilizzazione molto evoluta, i gatti erano venerati ? Eravamo considerati come l'incarnazione di due deesse sorelle. Da oggi chiederò alla famiglia di venerarmi dal mattino alla sera.

- Ebbene si, sono nella mia lettiera ! Inutile di turarvi il naso e di fare i degustati. E' stata cambiata all'istante e la sabbia è molto più pulita di quella di "Paris Plage" e ve lo posso assicurare. Ora devo fare una piccola siesta e di immaginarmi sulla spiaggia di Copacabana.

- Per addormentarsi un montone può solo contare su lui stesso. Io conto il numero di scatole di cibo che resta nell'armadio e questo mi rassicura.

- Oggi cerco di levare un velo su una questione esistenziale : perché, noi, i gatti, ci lecchiamo le parti intime ?  Perché noi lo possiamo.

-Ultimo avvertimento. Fermatevi di svegliarmi e, come sono un vendicativo, è una settimana che sveglio i miei "parenti" ogni notte. Quando si adormentano, salto sul letto, mordo le loro orecchie, e questo ogni ora circa. Il risultato non si è fatto attendere. Sono talmente stanchi che mi lasciano dormire in pace.

Alla prossima se rispettate l'avviso d'entrata nel post.

 Frida cerca di prendere il posto a Matisse

sabato 9 marzo 2019

VENEZIA - BURANO

Continuo a pubblicare le foto di Burano ed in questo caso non vedo l'opportunità di troppo commentare. A voi di scegliere la foto preferita.







Per la foto seguente ritengo di dover dare qualche notizia. Baldassare Galuppi "detto il Buranello", nato a Burano nel 1706 e morto a Venezia nel 1785. Compositore veneziano, organista in varie chiese di Venezia e discepolo di Antonio Lotti. Numerosi viaggi in tutta l'Europa ed incarichi prestigiosi a Venezia. Per chi volesse saperne di più …. vedere su Internet.







MODI DI DIRE
Magnastatiuniti
(persona che spende e spande senza criterio)

L'epiteto risale probabilmente all'epoca della nostra emigrazione negli Stati Uniti quando questi rappresentavano, nel giudizio comune, il sogno di una facile ricchezza. Ancora oggi, di persona che abbia trovato un buon lavoro od una fortunata sistemazione, è d'uso dire "el ga trovà l'America" (ha trovato l'America).

domenica 3 marzo 2019

UN GATTO SCONTROSO


Silenzio, sto riposando

- Una citazione di Hyppolyte Taine : "Ho studiato molto i filosofi ed i gatti. La saggezza dei gatti è infinitamente superiore."
Meditate gente, meditate.



- Ancora delle crocchette light ! L'estate è passata, perché fare attenzione alla linea ? Fino a che mi nutriranno in questo modo anche le mie carezze saranno light.

- La mia giovane padroncina (parola orribile) è in piena revisione del suo corso d'inglese. Non ho mai capito perché una specie come la vostra che si dice evoluta (comincio a dubitarne) non parla la stessa lingua dappertutto.



- Se io lo desiderassi, cosa di cui non è il caso, potrei discutere con un gatto birmano, norvegese ed anche cinese. Come avete fatto voi ad essere arrivati a parlare lingue differenti ? Credete che il gatto del vicino non parli la mia stessa lingua ? Come farei io per insultarlo e affibiargli tutti i nomi possibili ed immaginabili ? E' importante comunicare.



- Piccolo messaggio per la famiglia : "Amo il suono che fate quando state zitti" - Firmato : un gatto che cerca di dormire.



- Ho ancora la zampa che trema scrivendo queste linee dall'alto dell'armadio. Ho incontrato la cosa più orribile che io abbia mai visto : una bambina di due anni che, correndo verso di me con passi incerti, urlava : "Il gattino !!! Voglio giocare con il gattino. Mamma, voglio fare delle carezze al gattino …" - Aiuto !!!



Alla prossima.





Selma e Matisse stanno attenti a quello che si sta passando.

martedì 26 febbraio 2019

VENEZIA - MURANO E BURANO


Riprendiamo dalla base del campanile per rivedere questa meravigliosa opera dei mastri vetrai du Murano…


 … ed entriamo in una delle tante fornaci per vedere la realizzazione di un prodotto preparato per i turisti. Le vere opere principali di questi artisti sono in vetro soffiato. Nel film che ho fatto si vede anche quest'ultima procedura ma, come già detto in altra occasione, è troppo lungo per publicarlo sul blog.

n




Si riprende il battello e ci avviamo a Burano che, secondo me è esteticamente la più bella delle tre isole principali. Murano e Torcello sono la storia più o meno recente ma Burano è la patria dei pescatori e delle merlettaie. Molti di voi lo sapranno già che l'intonaco delle case di Burano è di differenti colori. Ciò è dovuto al fatto che i pescatori al largo della laguna amavano riconoscere la propria casa alla quale davano un colore particolare. Oggi si tratta solo di un'attrattiva turistica.







Ci ritorneremo nel prossimo post.


MODI DI DIRE

Maraman
(intraducibile)

Definizione spregiativa, che indica una persona un po' selvatica, inurbata e proveniente da un ambiente non cittadino, ignorante. Rappresenta un po' lo snobismo dei Veneziani verso quelli che non sono nati e vissuti in quello che oggi si chiama "centro storico". Visto i rapporti che Venezia aveva con la Toscana, può darsi che questo vocabolo derivi da "maremmano" (il buttero dei tempi andati).