AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

mercoledì 28 marzo 2012

PISTE CICLABILI NELLA CITTA' DOVE VIVO

Nelle foto che seguono si può notare il percorso che facevo in VTT qualche anno fa. Le gru che si vedono sono quelle montate per la costruzione del nuovo comune del quale un giorno o l'altro pubblicherò le foto per far notare la megalomania dei politici locali.
Ora la pista è stata asfaltata e posso percorrerla con la bicicletta da corsa, ma, forse, la preferivo prima perché più naturale.
Questa è una prima parte perché la pista è lunga.


Il parcheggio dove lasciavo la macchina
 Una delle 100 fontane della città







Qui si stava costruendo una centrale di depurazione e, con l'occasione si è fatta una chiusa per permettere il passaggio di barche e battelli vari che partono da Port Ariane e vi ritornano la sera.




E si continua lungo il Lez, il fiume alle cui sorgenti si preleva l'acqua per la rete idrica. 


25 commenti:

  1. Caro Elio guardando queste foto mi viene voglia di farti una visita, ma siccome che questo non è possibile mi accontento di farla virtuale, è pure bello anche così, ciao e buona giornata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Tomaso, ti aspetto. Qui si possono noleggiare delle biciclette e partiamo insieme. Ti garantisco che vado tranquillo, tranquillo, dopo il "malaise vagale" che ho avuto due anni fa. Buona giornata.

      Elimina
  2. près de Montpellier? bises e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oui, à Lattes, mais désormais je parte de chez moi. Bises à toi aussi.

      Elimina
  3. Ciao Elio, anch'io come te preferisco lo sterrato all'asfaltato, forse è più faticoso, ma tanto più vicino alla natura!
    Sorridente giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sciarada, hai perfettamente ragione, ma, cosa vuoi, come cantava Celentano (... ma quella casa, in mezzo all'erba, ora non c'è più...) l'asfalto ed il cemento prendono sempre più spazio. Un giorno, quando sarà troppo tardi, saremo costretti a ricreare dei polmoni verdi. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  4. una biciclettata magnifica, peccato per l'asfalto, Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio, ma anche per te vale la risposta che ho dato a Sciarada, abbraccio compreso.

      Elimina
  5. Montpellier? Ci sono passato qualche anno fa dopo aver visitato La Rochelle e Carcassonne. Non sbaglio, vero? Se le autostrade francesi non m'ingannano. Quell'estate girai mezza Francia. Bellissima nazione.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Massimo, Montpellier ha quattro uscite (o 4 entrate) sulla A9 che porta in Spagna sino a Barcellona. Per andare a Carcassonne bisogna però deviare a destra prima di arrivare al confine, sempre restando in autostrada. Buona giornata anche a te.

      Elimina
  6. Anch'io, ovviamente, voto per lo sterrato. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dona, a 10 km da qui ho un luogo, di cui ho già parlato, il "Domaine de St Sauveur" dove andiamo mia moglie ed io a camminare quando abbiamo bisogno di aria fresca. Oltre ai sentieri ci sono anche delle piste per VTT (separate da quelle "pedonali"), ma oggi non me la sento più di farle perché le salite sono un po' dure. Forse Daniele mi prenderà in giro, ma io, ormai, ho 70 anni e certe ascensioni su sterrato le lascio ai più giovani ed in modo particolare dopo un "malaise vagal". Un caro saluto.

      Elimina
  7. Almeno da te ci sono le piste ciclabili. Vieni a pedalare a Milano e vedrai come ti diverti! Emozioneeeeee :-)
    ciao Elio buona serata
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi ci provo perché anche qui, al centro, non c'è mica da ridere. Sai, per essere più tranquilli, molti circolano tra le rotaie del tram perché almeno ne passa uno ogni dieci minuti. Io preferisco la periferia, con quattro (un modo di dire) pedalate sono sulle piste ciclabili che vanno verso il mare (tutto piatto) oppure dalla parte opposta verso le colline. Ciao Enri ed a presto.

      Elimina
  8. Beato te,qua a Sassari ti schiacciano in 30'' netti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già dato. Un giorno una macchina mi ha stretto contro un marciapiede e, per fortuna che in gioventù giocavo in porta, sono riuscito, dopo il volo ad angelo (o diavolo?) ad atterrare di spalla e rotolare sulla schiena. Quindi niente di rotto, ma qualche piccola ferita con sangue. Quello che mi ha fatto incazzare è che l'automobilista non si è fermato a guardare cosa mi era successo e forse pensava di averla fatta troppo grossa. Se lo ritrovo ..... Bando ai ricordi neri, un caro saluto.

      Elimina
  9. Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, tutto il mondo è paese (anche se da noi aggiungiamo:"Fora che Gaggio, Marcon e Dese"). Vedrai quando andrò a fotografare il nuovo Comune di Montpellier che è stato costruito su una zona alberata. Hanno ripiantato degli alberi per ricreare un giardino, ma, prima che questi crescano, campa cavallo. Ciao Adriano e grazie per il tuo commento.

      Elimina
  10. Abbasso il cemento! Ma mi accontenterei anche di quello se ci fossero piste ciclabili così anche nella città dove vivo! Purtroppo non abbiamo nemmeno i marciapiedi perché o piantano alberi o parcheggiano le auto..o sono tutti "spacà in tòchi". Dovrei fotografarli un giorno o l'altro. Buona giornata caro Elio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ornella, mi hai dato un'idea. Potrei legarmi una telecamera sul petto e fare tutte le piste ciclabili qui esistenti, ma ho paura che mi scambino per un terrorista in reperimento dei luoghi. In Francia, oggi, si rischia grosso, dopo quello che è successo nei giorni scorsi. Proponi ai tuoi parlamentari di restare dei mesi senza stipendo e prebende varie, come i disoccupati e che impieghino i soldi per rimettere in sesto i marciapiedi. Lo so che non è possibile, ma era solo per farci un'amara risata sopra. Un amichevole abbraccio alla famiglia.

      Elimina
    2. Elio potrei farlo io tanto qui di sicuro non ci baderebbero neppure! Basterebbe caro Elio che vietassero di piantare alberi sui marciapiedi per abbellire i nuovi condomini per non "portare" via spazio ai giardini privati!! E' una follia..Oppure che esistesse della polizia in giro per multare tutti quelli che parcheggiano sopra i marciapiedi!! Comunque l'altra sera stavo attraversando le strisce pedonali per entrare nella via che porta a casa, che è solo pedonale intendiamoci,con tanto di divieto... arriva una tipa con l'auto e s'arrabbia perché ho attraversato! In più sgommando entra nella strada pedonale e mi fa il dito!!! Dimmi tu..Ho avuto il nervoso tutta la sera a causa sua! Scusa il ciacolamento :-) Buon fine settimana a te e famiglia

      Elimina
  11. In Italia c'è molta carenza di piste ciclabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cavaliere, hai ragione. Già, quando ho detto a mio fratello ed a mio figlio (vivono a Mestre) che avevo intenzione di portare con me la bicicletta, me lo hanno caldamente sconsigliato, anche se, tutto sommato, qualche pista ciclabile cè. Quello che non capisco è perché non si riesca a farne una lungo il Ponte della Libertà per arrivare a Venezia. Si sta discutendo per fare un tunnel sotto la laguna e farci passare il tram, ma non si trova un metro (per ciascun lato) per fare una pista ciclabile. Vai a capire. Un salutone.

      Elimina
  12. Elio que buenas fotografias!, pasé a saludarlo, a decirle muchas gracias por su visita y a desearles un hermoso fin de semana.

    RispondiElimina
  13. Ciao Teresita, un buon fine settimana anche a te.

    RispondiElimina