AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 16 febbraio 2012

RESTIAMO NEL GHETTO

Su un muro del Ghetto di Venezia ci sono delle placche in bronzo dello scultore A. Batlas raffiguranti la Shoah. Avrei dovuto fare questo post nel giorno della memoria, ma ho preferito proseguire l'itinerario che mi ero prefisso. E' quindi solo ora che rendo omaggio a tutte le vittime passate per i campi di concentramento ed a tutti i caduti in battaglia, di qualsiasi nazionalità. Come ben sapete sono contrario a tutte le guerre, e, purtroppo, sin dalla fine delle seconda guerra mondiale, ne abbiamo avuto sempre in differenti posti di questo nostro mondo.















 

38 commenti:

  1. Sono sempre molto interessanti i tuoi post caro Elio,ora ti lascio sono stanco, buona notte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso, grazie e curati bene che ti vogliamo in forma. Almeno qui il freddo è passato e forse domani riprendo la bici. Forz e coraggio.

      Elimina
  2. Belle foto. Si commentano da sole!
    Buona notte,
    Massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo, sono passato da te qualche giorno fa. Purtroppo non posso più osservare il ritmo di un volta per due motivi. Il primo è che forse Blogger mi ha inserito tra i probabili spammer e quindi sono sotto controllo per un po' di tempo ed il secondo che sono impegnato con delle traduzioni (piccole cose e non un libro intero). A presto.

      Elimina
  3. une oeuvre impressionnante..qui fait réfléchir!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione Elfi. Inoltre due miei conoscenti, militari catturati durante un'azione, hanno passato due anni in campo di concentramento e sono riusciti a fuggire durante il caos che ha preceduto l'arrivo degli alleati. Al ritorno pesavano uno 35 (perché piccolo di statura) e l'altro 45 chili. Non dimentichiamo che oltre agli ebrei erano deportati anche gli zingari, gli omosessuali ed i militari che non accettavano di combattere con Mussolini (quando questi ultimi non venivano addirittura fucilati). Un cordialissimo saluto.

      Elimina
  4. Ciao Elio,
    stavolta il tuo reportage, oltre ad essere interessante, ha il valore dell'impegno civile, per cui merita un plauso doppio.

    P.S.
    Scusa la mia latitanza.
    Un salutone e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nigel, non preoccuparti tutti noi abbiamo alle volte degli impegni e ti rimando alla risposta che ho dato a Massimo. Un salutone anche a te e seguimi Tomaso.

      Elimina
  5. Conosco bene quelle formelle di bronzo, molto significative e, direi, anche "istruttive".
    E' giusto farle conoscere a chi non le ha mai viste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo bene che, da buon veneziano, tu conosca il Ghetto nuovo, ma come tu dici, non tutti ci passano. La prossima volta che fai un incontro come quello previsto sul tuo blog, avvertimi che ti farò un po' di pubblicità. Ciao Sergio.

      Elimina
  6. impressionanti come significato.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Adri della visita. A presto.

      Elimina
  7. Un post molto profondo e toccante.
    A presto..Sibilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Sibilla, ma devo tirarti le orecchie (lol) perché attendo il seguito della storia. Un amicevole saluto.

      Elimina
  8. Grazie mille per il commento....mio suocero sembra stare un po' meglio,dobbiamo sperare che tutto ritorni come prima,sai lui e' molto giovane ha appena 62 anni ed e' ancora pieno di vita....grazie mille
    Questi immagini ,a parte molto tristi,segnano e fanno capire noi uomini di quanto male siamo capaci di creare....e' assurdo,uccidere persone solo perche' Ebrei o quant'altro....La vita e' il dono piu' prezioso che ogni essere umano possiede,e' una ricchezza che troppo spesso sperperiamo e non apprezziamo....Io da donna mi sento graziata di aver dato alla luce due vite....le mie cucciole e la rispetto fino in fondo,accettando qualsiasi avversita' e combattendo SEMPRE fino in fondo!!!!!
    Grazie Elio per queste riflessioni che ci hai mostrato....le immagini spesso parlano piu' delle parole!!!!!!Buon we e buona vita!!!!Raffaella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella se mi sento io giovane a 70, penso che tuo padre lo senta ancora di più. Non disperate e vedrete che tutto si risolverà. Per il resto mi sembra che siamo tutti d'accordo su quegli avvenimenti. E pensare che qui in Francia c'è qualcuno che ha definito queste atrocità "un dettaglio della storia" ed altri che negano sia avvenuto. Secondo loro è tutto un trucco. Roba da sparargli, ma io sono un pacifista.

      Elimina
  9. ciao Elio,
    guarda ....sono fotografie che silenziosamente PARLANO...soprattutto l'ultima.
    Grazie per avercele fatte conoscere.
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao apelaboriosa. Grazie per i complimenti ed un caro saluto alle tue tre colleghe apine. A presto.

      Elimina
  10. Cher Elio, merci pour les photos des plaques commémoratives que j'avais vues lors de mon passage au Ghetto. Elles parlent d'elles-mêmes, hélas. Bonne journée à toi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bonjour Françoise et merci. A bientôt.

      Elimina
  11. Olá amigo, uma bela forma de contar a todos os fatos tristes de uma gerra.

    Bom final de semana.
    Abraços de estrelas.
    Lua.

    http://naturezadeluanegra.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buenas dias Lua. Tutte le guerre sono tristi, anche quelle che si conducono in questi giorni. Guarda i morti che ci sono in Afghanistan e quelli durante le rivoluzioni arabe dei mesi scorsi. Un abraço.

      Elimina
  12. Elio molto molto interessante questo tuo post...le foto sono mi fanno molto pensare.
    ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa, effettivamente fanno pensare ed è per questo che le ho fotografate singolarmente. A presto.

      Elimina
  13. Post molto interessante, le scene riprodotte su quelle formelle mi fanno venire i brividi e testimoniano, se ce ne fosse bisogno, la crudeltà dei conflitti.
    Ciao Elio buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enri, vedo che siamo d'accordo sulla crudeltà di tutte le guerre. Buon WE anche a te.

      Elimina
  14. Immagini più chiare di tante parole! Spero siano di grande monito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Adriano, le immagini confermano le parole. Se non ci fossero i film d'epoca, oggi avrebbero ragione i negazionisti. Alla prossima.

      Elimina
  15. ciao grazie Elio, non avevo mai visto questi bronzi, son d'accordo anch'io che si commentino da soli, grazie buon week end a presto rosa:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa, se vuoi vederle dal vivo, quando sei al Ponte delle Guglie, giri a sinistra e dopo 150 metri trovi un sottoportico (tutto rovinato, per il momento) che potrai vedere in un mio post precedente sempre sul Ghetto. Lo imbocchi e sempre dritta, sfoci in Campo del Ghetto Nuovo. Sul muro, a destra di una garritta militare, ci sono le formelle in bronzo, salvo una (l'ultima delle fotografie) che si trova all'uscita del campo per andare verso la Misericordia. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  16. Molto interessante questo post.
    Ogni giorno è adatto per ricordare la shoah.
    ciao e buone week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rita per il complimento ed a presto.

      Elimina
  17. Da persona che rifiuta ogni forma di violenza queste opere mi fanno venire i brividi. Dentro di me c'è sempre la stessa domanda che non trova risposta..come può un essere umano compiere queste atrocità verso un suo simile? E purtroppo la storia insegna poco alla gente perché al giorno d'oggi ne succedono di queste bestialità nel mondo. Come dice sempre mia madre "quel che l'è stà el torna"ma secondo Natura ci si dovrebbe evolvere sempre in positivo dico io!! Buona domenica caro Elio a te e famiglia

    RispondiElimina
  18. Ornella, penso che tu abbia già letto alcuni miei interventi in proposito e quindi sai già che sono pienamente d'accordo con te. Dopo la prima guerra mondiale tutti dicevano "mai più", ma oltre alla seconda ne abbiamo avute altre. Penso che dal 45 ad oggi non ci sia stato mai un solo anno di pace nel mondo. Tua madre ha perfettamente ragione e sono i corsi e ricorsi della storia. Dovremmo veramente migliorarci, ma secondo me il potere (non intendo quello politico) rende gli uomini più bestiali. Guarda quello che sta succedendo in Siria. La speranza di un mondo migliore è quello che mi fa andare avanti. Un amichevole abbraccio a te e famiglia.

    RispondiElimina
  19. Un mio amico disegnatore a fatto una serie di disegni sul thema dei campi di concentramento. Se ti interessa, li trovi quì: http://www.francoismaret.ch/dotclear/index.php?q=camps

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aldo ci vado subito. Io sono interessato da quel periodo storico e sulla seconda guerra mondiale ho letto di tutto. Due fatti particolari mi hanno sempre colpito: la deportazione degli ebrei e la riritrata dalla Russia delle truppe italiane.

      Elimina
  20. Very touching tribute, Elio!!!!
    Yet the war continues, people are killed and monuments erected ...
    Tanti saluti
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Magda, la guerra continua e, dopo la seconda guerra mondiale, ce ne sono state molte altre che, anche se con un minor numero di morti, restano sempre la vergogna (assieme ad altre di un altro tipo) dell'umanità. Ciao.

      Elimina