AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

domenica 27 maggio 2018

UN GATTO SCONTROSO


Avrò anch'io il diritto di divertirmi un po' !
E volglio proprio vedere se riesco a battere i dogi almeno per 10 commenti a 2.


- Ho due novità, una buona ed una cattiva. La buona è che i miei parassiti, gli invasori, queste terribili pulci, hanno abbandonato il mio corpo d'atleta. La cattiva è che sono obbligato a seguire un trattamento di lavaggio mattina e sera. E' una cosa che detesto.

- Il mio infamante trattamento è finalmente terminato. Il prossimo membro della famiglia che oserà avvicinarsi a me con un asciugamano e del sapone antipulci, rischierà delle profonde lacerazioni. Quanto a Patapouf, questo sacco a pulci, ho ottenuto un'ingiunzione del giudice agli  affari animali perché non si avvicini a me a meno di 10 metri.

- Oggi è un grande giorno. Sono riuscito a trovare il luogo dove è nascosto il tesoro ! Non il tesoro dei Templari, o qualche bottino dei pirati. Molto più prezioso di tutto questo. Ho localizzato il luogo dove la mia famiglia conserva le mie scatole di cibo. Non mi resta che stare attento e scegliere il buon momento per entrare nel santuario.

- Mi sono nascosto nel garage ed attendo il momento opportuno per introdurmi nell'armadio dove si trova il cibo. Seguirò il mio umano quando aprirà le ante e mi nasconderò all'interno. Missione impossibile ? Non per un gatto come me.
Ce l'ho fatta e sono solo in questa cattedrale dedicata al mangiare. Dinnanzi ai miei occhi si trova una montagna di cibo per gatti e mi sento estremamente eccitato. Mi preparo ad un festino che non negherebbe neanche Gargantua.

- Finalmente non posso mentire, la seconda parte della missione non si passa proprio come previsto. Sono rinchiuso nell'armadio nell'impossibilità di aprire le centinaia di barattoli che mi prendono in giro affrontandomi. Avete già provato ad aprire una scatola di cibo per gatti con le unghie ? Io sì ! Il risultato non è buono.

- Continuo a miagolare come un adolescente nelle prime file di un concerto di Justin Bieber ma nessuno mi sente. Sto quasi per svenire e vedo lontano una luce bianca. Addio mondo crudele ma, ha!, l'umano apre infine la porta : NON AVRESTI POTUTO VENIRE CON MAGGIOR VELOCITA' ! Dai, dammi da mangiare subito o sono io che ti mangio.

Matisse

12 commenti:

  1. Caro Micio,sei furbo e pieno di inizitive,ma non sempre tutto va come vorremmo.C'è da dire che l'Umano che si prende cura di te,è molto generoso ed attento.Ti è andata bene.Sei simpaticissimo,hai tutta lamia simatia.Un miao per te ed un saluto all'Umano tuo amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti garantisco che Edgar sarà felice di leggere il tuo commento. Un caro saluto ed un abbraccio anche a te.

      Elimina
  2. Gosto muito das postagens onde nos parece o próprio felino, muito inteligente.
    Desde que o Ozzy(gato) me abandonou estou traumatizada rssss
    beijos
    Joelma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joelma, Edgar è un gatto efemerico che è stato inventato da uno scrittore (che non sono io). Ti ho già detto quanto mi sia dispiaciuto per la perdita di Ozzy ed in questo momento sto temendo per Selma. Vedremo tra qualche giorno. Un amichevolissimo abbraccio.

      Elimina
  3. Gatto incredibile :-))) Cmq ci proviamo a battere i dogi dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo già sulla bella Strada, grazie anche a te. Ti invito a venirmi a trovare sul prossimo post (Venezia) da giovedì. Un caro saluto.

      Elimina
  4. matisse joue à michelangelo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, stava posando per me, ma non ho più la buona mano e quindi tutto alle ortiche. Un abbraccio a tutti voi.

      Elimina
  5. Caro Matisse, anche il mio Macchia ha un problema con le pulci ma non ne vuol sapere di mettere l'antipulci, appena mi avvicino con la pipetta, schizza via come un fulmine e non si fa trovare fino a quando la fame non ha la meglio e lui deve tornare a casa e lasciarsi mettere l'antipulci, altrimenti niente pappa !!! Ciao Matisse e un saluto al tuo padrone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Matisse non ha pulci, è Edgar che le ha avute. Per Macchia sarebbe forse meglio mettergli un collare antipulci e così puoi evitare di catturarlo ogni volta. Matisse ed il suo umano (non amo il termina padrone perché nessuno può essere padrone di un animale, solo il suo amico) ricambiano il saluto.

      Elimina
  6. Beh! Mi sembra davvero che Edgar abbia battuto i Dogi .
    Sai, mentre leggevo, mi chiedevo come averebbe potuto aprire le scatolette
    di cibo . Ben gli stà , non ci è riuscito il mascalzone....
    Anche a me è simpatico anche se fa il furbetto . E di furbetti ce ne sono
    anche troppi . Bises . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, non dimentichiamo che Edgar è un gatto creato da un disegnatore anche se nella realtà certe cose arrivano veramnte. Il compianto Mirò aveva imparato ad aprire le porte interne della casa oltre a portarsi sul tetto del garage attraverso lo spioncino della stanza da bagno. Tutto piccolo si era inserito all'interno della canna fumaria del caminetto e non ti dico la fatica che ho fatto per recuperarlo, oltre a graffiarmi tutto n braccio. Anche gli altri ne hanno combinate di buone, ma non a questo livello. Ricambiamo tutti in coro "les bises".

      Elimina