AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

mercoledì 4 aprile 2012

CONTINUIAMO IL GIRO A VENEZIA

Avete visto, oggi due post al prezzo di uno. Promozione Pasquale. Tanti auguri di Buona Pasqua a tutti voi.
Torniamo nella mia città natale. Per andare  dal sottoportico del post precedente al campo San Zaccaria si passa per il Campiello della Fraterna. Ho fatto il Ponte dei Greci e sono arrivato in detto campo per poi dirigermi verso San Marco.

Siamo nel campiello della Fraterna. Purtroppo era talmente pieno di una comitiva di turisti russi, i quali, più che ascoltare la guida, pensavano a riempire borracce e bottigliette d'acqua che non sono riuscito a scattare in pace. A proposito l'acqua delle fontane di Venezia è potabile.



La chiesa di San Zaccaria, secondo me una delle più belle di Venezia.


In Campo San Zaccaria si svolgeva la sessantesima fiera del miniquadro e sono sicuro che questa manifestazione avrebbe interessato moltissimo sia Elfi che Carla.


Vi chiederete come mai Elio, che vi ha abituato a foto insolite di Venezia, abbia fotografato il Ponte dei Sospiri che tutto il mondo conosce. Ebbene, l'ho ripreso perché è stato restaurato e volevo averne il ricordo. Passando vicino a me un veneziano ha detto: "El xe tropo bianco" (E' troppo bianco), mi sono girato e gli ho detto: "Forse el gera tropo sporco prima" (Forse era troppo sporco prima. Naturalmente intendevo riferirmi alla patina che gli aveva dato il tempo.








I turisti sono talmente attratti dal Ponte dei Sospiri che dimenticano di guardare questo altorilievo sull'angolo del Palazzo Ducale. Rappresenta Noé ubriaco con i figli, Sem e Cam, che lo prendono in giro. Jafet si era astenuto. Come tutti ben saprete, alla bella età di 600 anni, Dio gli disse di costruire l'Arca che con uomini, animali e piante andò a finire sul Monte Ararat. A quel momento i figli avevano 300 anni. Ritornato sulla terra ferma, Noé piantò, tra l'altro, della vigna e quando ebbe l'uva, la trasformò in vino e si prese una bella "balla" (la "ciucca" in altri dialetti). Muore all'età di 950 anni, ma, personalmente, credo che in quell'epoca gli anni dovessero essere calcolati in modo diverso.



MODI DI DIRE VENEZIANI

"Aver do schei de mona in scarsea"

(Avere due soldi (od euro?) di "mona" in tasca)

(Come ho già spiegato in altra occasione, la "mona" è l'apparato genitale femminile)

Il detto sta a significare di farsi furbi e di far finta di niente per poi fregare la controparte.

A proposito della suddetta parte del corpo femminile (non me ne vogliano le femministe perché non sono assolutamente contro i diritti delle donne), c'è un aneddoto sulla bella Otero che fu amante di molte Altezze Reali. Le fu offerta, una volta, una grossa somma di denaro per ricevere un Duca austriaco. Naturalmente accettò e attese il Duca tutta nuda in una profumata alcova. A proposito vi siete mai chiesti o chieste perché le donne di malaffare ricevono in un letto e le cortigiane, invece,  sono sempre in un'alcova? Ma andiamo avanti. Il Duca entrò e la bella Otero, con un gesto della mano, gli disse: "Gradisca...." Il Duca la osservò bene, si fece il segno della Croce e disse: "Grazie, ma volevo solo rendere omaggio alla tomba del mio caro zio, il Granduca Rodolfo d'Assia".


NON DIMENTICATE DI VEDERE ANCHE IL POST SOTTOSTANTE
(GRAZIE SIN D'ORA)

49 commenti:

  1. bella venezia, gradita la precisazione buona pasqua Elio, Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio, vedo che hai esaudito la mia richiesta di visitare i due post. Ancora tanti auguri di Buona Pasqua.

      Elimina
  2. Caro Elio non stanca mai guardare Venezia la perla del Mediterraneo.
    Ciao caro amico e buona Pasqua.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, Buona Pasqua anche a te e famiglia.

      Elimina
  3. le pont est plus beau sans la publicité mont-blanc!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te, ma hai notato che sulla foto del cartellone ho fatto un link su di te? Naturalmente in riferimento ai miniquadro. Buona Pasqua.

      Elimina
  4. Molto caratteristica la fontanella di Venezia, a maggior ragione visto che l'acqua è potabile!
    Mi incanto sempre guardando le tue fotografie, veramente la tua è una città unica al mondo.
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sirio per il complimento e Buona Pasqua anche a te. LA passi in casa o con la tua banda?

      Elimina
  5. Questi angoli di Venezia mi sono del tutto nuovi, grazie per le foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu hai fatto il bis e ti ringrazio. Spero apprezzerai anche i restanti posti che farò scoprire poco a poco. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  6. Ciao Elio, cada vez que te visito y veo tus reportajes de Venecia tengo más ganas de escaparme unos días a tu bella ciudad. Por ahora debo esperar porque tenemos con nosotros una tía de mi esposa que no tiene a nadie y es deficiente así que la cuidamos nosotros en casa y estamos un poco amarrados pero En cuanto podamos nos escapamos si Dios quiere. Las fotos preciosas como siempre eres un gran fotógrafo y muestras con todo detalle cada una de tus instantáneas. Te deseo una buena y feliz Semana Santa y te dejo un fuerte abrazo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Josep, solo a leggere che ti occupi di una parente handicappata, mi fa capire che tu possa avere un grande cuore. Come ti ho già detto da Gerona ci sono degli aerei che in neanche 2 ore ti portano a Venezia ed a prezzi favolosi. Però, se ne hai la possibilità, prendi il treno per andarci perché il garage è molto caro. Tanti auguri anche a te e famiglia, zia compresa. Hasta luego.

      Elimina
  7. Bellissima Venezia,complimenti per le foto.Ti auguro una serena Pasqua.Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Olga, anche a te, tanti cari auguri.

      Elimina
  8. Venire a trovarti è assicurarsi un tour turistico nella splendida Venezia accompagnati da una guida d'eccezione, una persona che ama questa città profondamente. Bellissimo il ponte dei sospiri e tutte le tue foto. Si, ho visto anche il post precedente con le foto agli artisti di strada. Grazie degli auguri che ricambio con affetto, che siano per te e la tua famiglia giornate di gioia e pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita, grazie per essere andata anche sull'altro post, ma credo che non rifarò questa esperienza di metterne due nello stesso giorno. Hia notato che ho fatto un link su te nella foto della fiera del miniquadro? Pensavo potesse interessarti, come del resto Elfi che fa effettivamente dei miniquadri. Ancora Buona Pasqua.

      Elimina
  9. ciao elio grazie per le immagini sempre interessanti contornate da aneddoti o altre cose che completano ilquadro di venezia a te tanto cara.)
    hai ragione sembra troppo bianco il ponte, ma secondo me non impieghera' molto a sembrare piu' naturale, bellissimo il bassorilievo e la fontana, carina la storia di Otero, ci sara' rimasta male penso ahah, grazie anche per il proverbio, ciao a presto rosa buona giornata.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa, vedo che hai letto proprio tutto, dall'inizio alla fine. Penso anch'io che la Otero ci sia rimasta male e tutto sommato penso che non se lo meritasse perché a quel tempo essere cortigiana era una cosa normale. Buona Pasqua.

      Elimina
  10. Buon Pasqua a te anche ! Buona giornata, a presto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Maité, avrei preferito passare Pasqua a Venezia, ma non è stato possibile. Ciao ed a presto.

      Elimina
  11. In questa occasione tra tutte le cose belle ho trovato come più emozionante il gruppo con Noé. Auguroni a voi tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriano, vedo che abbiamo le stesse idee, ma gli aneddoti non sono finiti qui. Buona Pasqua.

      Elimina
  12. Ciao Elio, in questo periodo di crisi due al posto di uno è ben gradito, se poi è anche di qualità è una festa!
    Buona Pasqua a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sciarada, però, come prevedevo uno ha schiacciato l'altro e quindi non so se ripeterò l'esperienza. Tanti cari auguri anche a te.

      Elimina
  13. Ciao Elio! che belle le foto di Venezia! Ho tanta voglia di ritornarci! Bella anche la storia di Otero!
    Scusa la mia assenza ma sai che in questi ultimi periodi sono un po' indaffarata.
    Auguri di Buona Pasqua!
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sibilla, il mio non voleva assolutamente essere un sollecito. Hai già detto pîù volte che sei molto presa in questo periodo e posso capirti perché negli uktimi tre mesi sono stato molto impegnato con le associazioni di difesa animali di cui faccio parte. Domani mi aspetta mezza giornata all'annuale "Animal en ville" per spiegare ai visitatori lo scopo della nostra associazione di difesa dei gatti liberi. Auguri anche a te.

      Elimina
    2. mi piace questa cosa dei gatti "liberi"...del resto sono già di per sè molto indipendenti.

      Elimina
  14. anche a me pare un po' troppo bianco il Ponte di Rialto, forse dovevano limitarsi a pulirlo, a meno che anticamente non fosse quello il suo colore, da esperto veneziano che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriana, per quanto riguarda i gatti è una parola che mi piace usare perché odio dire "randagi", che trovo dispreggiativo.
      Per quanto riguarda il ponte devo amabilmente correggerti. Si tratta del Ponte dei Sospiri, quello che collega il Palazzo Ducale alle prigioni (i famosi Piombi) e non il Ponte di Rialto che si trova sul Canal Grande. Un caro saluto e Buona Pasqua.

      Elimina
    2. Era stato un errore di battittura....conosco benissimo tutti e due e mi piace molto rivederlo soprattutto quello dei Sospiri .
      Auguri di una serena Pasqua a te e consorte

      Elimina
  15. L'è troppo bianco ma te vedarè quanto che el ghe mete a vegner nero! Io l'ho fotografato coperto in restaurazione mi fa piacere che sia terminata! Concordo con la chiesa di San Zaccaria è bellissima! Certo che leggendo i tuoi post uno poi va a Venezia molto più attento, grazie! Caro Elio a te e famiglia tanti auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del bis, Ornella. Se, un giorno, decidi di andare a Venezia, ti posso dare delle dritte. Gli auguri li ho ricambiati sul post precedente. Buone feste.

      Elimina
  16. Elio, many thanks for your wishes!!!
    You photos of Venice, are wonderful!!!
    I wish you a Happy Easter to all family!
    Tanti saluti
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Magda. E questa ' l'unica cosa che posso dirti in inglese. Grazie per i complimenti e gli auguri che contraccambio.

      Elimina
  17. bellissime Foto,Elio.Luoghi incantevoli
    Ti faccio tanti auguri di buona Pasqua
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lu, auguri anche a tutta la tua famiglia ed a presto.

      Elimina
  18. Caro Elio, una visita veloce per farti gli auguri di una serena Pasqua a te e famiglia. A presto.
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, altrettanto. Andate a fare la classica gita di Pasquetta o no? Un caro saluto.

      Elimina
  19. E,girando insieme a te per Venezia,son ci si fineinisce mai di stupirsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Costantino, questa volta ho effettivamente cercato, a parte la Piazza San Marco che sarà oggetto di almeno altri due post, ma un po' particolari, di andare per "le sconte" come si dice a Venezia. Buona Pasqua.

      Elimina
  20. L'aneddoto sulla Bella Otero non lo conosco, perà ricordo bene la famosissima "Gradisca" di Fellini nel film Amarcord.
    Anche i "do schei de mona in scarsea" sono sempre in auge.
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  21. Ciao Dona, credo che Fellini avesse preso ispirazione dall'avvenimento che ho citato. Ti giuro che non sono stato io a proporglielo (lol).
    Ciao, ancora auguri a te e famiglia.

    RispondiElimina
  22. Ciao! Passo a farti i miei più cari auguri di una serena Pasqua!

    ******** @-@-@-@********
    ****** @————–@******
    **** @——————-@*****
    *** @——- Auguri——@****
    ** @——-di Pasqua—-@***
    ** @—(\(\———-/)/)—-@***
    ** @—(=':')——-(':'=)—@***
    ** @–(..(")(")..(")(")..)—-@***
    *** @———————-@****
    ***** @—————-@******
    ******** @-@-@-@********

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ire, bellissimo l'uovo con sorpresa. Brava e tanti cari auguri anche a te e famiglia.

      Elimina
  23. Que nesse dia de boas energias, você tenha uma linda páscoa.
    Repleta de alegria e muitos sorrisos.
    Beijinhos de chocolate.
    Lua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias Lua. Contraccambio i baci di cioccolata. In Brasile ci sono i "Baci Perugina"? Ciao.

      Elimina
  24. Sulla locuzion "schei de mona" avevo pure io scritto un post (http://venezziamente.blogspot.com/2010/12/gondola.html). Avevo pure trovato, sul sito di Fiora Gandolfi, un altro detto in rapporto con il termine "mona":

    El sagio sa niente
    l’inteligente sa poco
    l’ignorante sa tanto
    el mona sa tuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo, come avrai notato nell'intestazione del mio blog, i detti che trascrivo non sono farina del mio sacco, anche se ne conosco molti per averli sentiti da mia nonna e mia madre. Quest'ultima, ancora oggi a 97 anni, me ne ripete al telefono quando la chiamo. Vado a ricercare il tuo post, mentre per quanto riguarda il detto da te riportato c'è la variante, sempre riportata oralmente dalle suddette: "Mi no so niente, xe el mona che sa tuto". A presto.

      Elimina
    2. Conosco bene il libbro dal quale tiri i tuoi detti, fa parte della mia biblioteca veneziana. Un giorno o l'altro dovrei prendere il tempo di elencare il suo contenuto e chissà... di farne un post.

      Elimina