AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

mercoledì 1 febbraio 2012

HO RICEVUTO UN PREMIO

Come noterete tutto in basso a destra del blog, la nostra cara amica Sciarada mi ha indicato tra altri per un premio "blog versatile" che ho volentieri ricevuto. Ora dovrei parlarvi di me e vi dirò quindi una prima ed ultima cosa: non sono uno che ama mettersi in mostra, ho dei pregi (pochi) e dei difetti (molti).
Per quanto riguarda l'ulteriore assegnazione del premio, siccome non voglio fare delle distinzioni, lo cedo a tutti i miei amici lettori, lasciando libero ciascuno di prelevarlo o no. Un enorme abbraccio a tutti voi.

Per farvi sorridere un po' vi lascio con un modo di dire veneziano tratto dal libro "Sensa peli sula lengua" di Gianfranco Siega. In italiano significa "Senza peli sulla lingua" ma se guardate i miei suggerimenti qui a fianco per leggere il veneziano scoprirete che si legge "Sensa pei sua engua".


 Negà in Piasseta (annegato in Piazzetta San Marco)


Si dice di una persona ridotta così a malpartito da risultare irriconoscibile.
Il modo di dire deriva dal fatto che, ai tempi della Serenissima, si esponevano gli annegati vicino al Ponte della Paglia per il riconoscimento da parte di familiari ed amici.


Ce ne sono anche di un po' più spinte, ma non mi piace essere volgare, anche se il fine giustificherebbe il fatto di esserlo.

19 commenti:

  1. félicitation à toi et à moi..en nous citant, sciarada nous a donné son amitié..et ..pour faire des ponts...à Venise ou à Rome, en verre ou en fer...bonne nuit!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elfi, mi hai battuto sul tempo. Stavo ancora migliorando il post che ricevo il tuo commento. Super speedy. Sono contento anche per te, visto che siamo nella stessa barca (molto indicato per un veneziano). Buonanotte.

      Elimina
  2. Complimenti, premio più che meritato.
    Buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Adri ed a mia volta buon pomeriggio.

      Elimina
  3. Ciao caro amico Sciarada e stata bravissima la dato pure a me
    allora vuol dire che siamo bravi,
    fa un saldo da mi par vedar se le te piase le foto de Venexia che go postà
    ciao buona notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo subito Tiziano, il tempo di rispondere agli altri. Oggi qui, fatto eccezionale, nevica. Ma non prende sull'asfalto.

      Elimina
  4. Complimentoni cococeto beo!! :)

    Baciotti by Pixia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimentoni, ma te li contraccambio per il tuo blog.

      Elimina
  5. Complimenti per il premio, buona giornata

    RispondiElimina
  6. è pura musica il dialetto veneziano!!!
    Ciao Elio

    RispondiElimina
  7. Luigi, io trovo la stessa cosa per il dialetto napoletano. Forse perché entrambi amiamo la musica di qualsiasi tipo, purché buona?

    RispondiElimina
  8. ciao! Complimenti per il premio! Il premio che ti avevo assegnato qualche tempo fa è sull'altro blog che si chiama "Lo scrigno di Sibilla".
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sibilla e domani (ora sono un po' stanco, vado a vedere l'altro blog.

      Elimina
  9. Ahahah! L'ho avuto anch'io quel "premio" l'altro giorno. Non posso dire che mi piacciano molto queste catene di Sant'Antonio di links, hanno ben poco di spontaneo...
    Comunque bello l'aneddoto dei negài in piasseta, non lo conoscevo. Raccòntane altri! :)

    RispondiElimina
  10. Dona, non sono un grande assertore di questi premi, come non lo ero della catena di Sant'Antonio (serviva solo a prendere soldi dalla gente che arrivava per ultima), ma fa sempre piacere riceverli.
    Vedo che sei l'unica ad aver apprezzato l'aneddoto ed a capirlo senza bisogno della traduzione. Lo ho tratto dal libro che ho citato e ne prenderò altri. Ti dirò comunque che almeno la metà li conoscevo già, soprattutto i più spinti. Mio fratello, dopo aver avuto il coraggio di ospitarmi per una settimana, mi ha regalato il libro.

    RispondiElimina
  11. Su Venezia ho ancora tante cose da scoprire, ma conto su di te per farlo!

    RispondiElimina
  12. Caro Elio, non voglio deluderti ma il sistema dei cosiddetti "premi" altro non è che un modo per guadagnare links reciproci. Questo serve (sarebbe meglio dire serviva) ad aumentare il proprio pagerank, e quindi ad ottenere un migliore posizionamento nelle ricerche su Google.

    RispondiElimina
  13. Congratulations my friend for the premio!!!!
    Thanks to share with all of us!!
    Tanti saluti
    Ciao

    RispondiElimina