AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

venerdì 17 novembre 2017

IL CASTELLO DI CASTRIES - PARTE SECONDA

Continuiamo a seguire l'acquedottto che va verso il castello. Naturalmente l'acqua scorre nell'incavo al di sopra del muro il quale, a sua volta, è coperto con delle pietre di Castries.






La foto qui sotto indica il punto in cui l'acquedotto entra nel castello


Questi archi non riguardano invece l'acquedotto ma servivano e servono solo per schermo rispetto alla gente che abita in faccia visto che le case sono abitate ancora oggi.



Entriamo nella corte d'onore






La famiglia De Castries era molto legata ai reali ed è per questo che avevano avuto autorizzazione di imitare Versailles. Immancabile quindi il busto del re (Luigi XIV) sotto le arcate. Purtroppo la posizione del sole non mi ha permesso di fare una foto decente



La prossima volta entreremo nel castello

20 commenti:

  1. Caro Elio, veramente una bella carrellata di foto, come sempre sai rendere piacevole il post.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono, Tomaso. Ti ringrazio dei complimenti e ti auguro una buona serata domenicale.

      Elimina
  2. Wooowwww! Stupendo!
    Buongiorno Elio, le foto sono molto veritiere mi piacciono tanto.
    Grazie e continuo a seguirti.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Pia, sul castello di Castries ne avrò ancora per due o tre post ma vorrei intervallarli con i dogi. Vedremo. Buona serata ed un amichevole abbraccio.

      Elimina
  3. Ma che posto incantevole!
    E le foto sono splendide!
    Un abbraccio e buon fine settimana!

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del complimento e vengo subito da te. Buona serata.

      Elimina
  4. Non venivo da molto tempo su questa pagina. Sempre coì istruttiva,interessante e bella. Immagini eloquenti...
    Ciao Elio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te per il complimento e ti prometto di venire a trovarti al più presto. In questo periodo sono un po' impegnato e non posso dedicarmi al 100% per visitare i miei amici follower. Spero che le cose si migliorino e che possa essere più assiduo. Ciao ed un amichevole abbraccio.

      Elimina
  5. E' sempre interessante seguire i tuoi itinerari, un viaggio virtuale dove "mi perdo" piacevoltmente....grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, che piacere mi fa la tua visita e ti ringrazio per il complimento. Vengo da te al più presto. Un abbraccio.

      Elimina
  6. Un beau chateau.
    Bon dimanche, Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vuoi puoi venire a Montpellier e potremo visitarlo tutti assieme. Ho ancora qualche foto di riserva. Un abbraccio.

      Elimina
  7. Molto interessante e chiara con parole e immagini quasi quasi ci si sente li. Grazie di questa condivisione.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige. Vengo a trovarti al più presto. Buon proseguimento di settimana.

      Elimina
  8. E così , ora ho capito tutto sull'acquedotto. Belle le foto prese da angolazioni diverse del castello . Sai qualcosa di più della famiglia De Castriers ?
    Buona settimana a tutta la famiglia . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che la nostra guida ci ha parlato della famiglia, ma nella sala da ballo. MIa moglie ha registrato con una chiave USB speciale tutta la presentazione (2 ore) ma trovo difficile localizzare le differenti situazioni. Vedrò al momento di compilare il post. Buona settimana anche a voi ed un grande abbraccio.

      Elimina
  9. Es una maravilla y de agradecer que se conserve ese acueducto y el edificio del Tribunal, en tan perfecto estado. Aquí en Sevilla tuvimos un acueducto llamado los "Caños de Carmona" y a finales del siglo XX y en nombre del "progreso", fue prácticamente demolido -puro interés especulativo-, solamente nos quedan hoy en día, unos 20 metros de acueducto.
    Tu reportaje excelente......Como siempre.
    Un abrazo, estimado amigo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuel, per fortuna l'acquedotto di Castries non ha fatto la fine di quello da te citato perché è rimasto integrale come alla costruzione. Il motivo è molto semplice, lo usavano anche gli abitanti della città e non solo i signori del castello e loro si sono sempre opposti alla distruzione. Ricambio "l'abrazo e l'estimado amigo".

      Elimina
  10. Risposte
    1. Ciao Daniele, vedrai che l'interno non è da meno. Hanno restaurato solo tre sale, per il momento, e la sala da ballo è molto bella. C'è una "stube" dell'epoca favolosa. Buona domenica.

      Elimina