AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 26 marzo 2015

I DOGI VENEZIANI - MAURIZIO GALBAIO (764 - 787)



Il settimo Doge veneziano, Maurizio Galbaio, pur venendo da famiglia contadina di Eraclea, diede origine a nobili famiglie quali i Querini, i Calbo ed i Canal.

Eraclea era la roccaforte dei fedelissimi di Bisanzio, mentre a Malamocco si tendeva di più verso i Franchi. Poiché Maurizio contava molto su Bisanzio, in modo particolare per difendersi dalle mire del Papa sulle terre lagunari, mise da parte ogni tipo di alleanza con i Longobardi, ottenendo il doppio titolo di Ipato e di magister militum. La reazione di Desiderio fu immediata.
Il re longobardo apre le ostilità su tutti i fronti. Devasta il ducato romano, combatte in Istria contro la flotta bizantina e veneta e vuole ricostituire il regno italico. Il figlio del Doge, Giovanni, viene fatto prigioniero ed il Papa Adriano si arrocca dentro Roma, minacciando scomuniche e chiedendo a Carlomagno di punire Desiderio. Visto che quest'ultimo frena la sua azione e retrocede su Pavia, Carlomagno non infierisce e propone a Desiderio un pacifico accordo che però non viene accettato. Quindi nel 774 si assiste all'assedio di Pavia con conseguente resa dei Longobardi. Il Doge riabbraccia il figlio visto l'aiuto dato ai Franchi.
La situazione di confine non muta ed anzi i Franchi sono più pericolosi dei precedenti vicini. Carlomagno si fa nominare re dei Franchi e dei Longobardi, nonché esarca, raggruppando così tutte le prerogative proprie di Bisanzio, cingendo la corona ferrea. Il Papa si lamenta e vuole l'Esarcato, ma in realtà è l'arcivescovo di Ravenna, Leone, che, partiti i Franchi, si impossessa di diverse città dell'Esarcato scacciando i funzionari pontifici. Ma nel 777 egli muore ed i Franchi ritornano a controllare la regione. Il Papa Adriano sta sempre a guardare.
Il Doge Maurizio capisce che non può fidarsi di questi vicini e stringe sempre più accordi con Bisanzio. Il figlio Giovanni viene associato al dogado e Maurizio pensa di poter così rendere ereditario il dogado per la sua famiglia. Carlomagno, però, dopo le insistenze del Papa e con la scusa del battesimo del figlio, Pipino, torna in Italia e porta avanti gli accordi per ristabilire l'impero d'Occidente. Scambio di cortesie : il papa ottiene l'Esarcato e Ravenna diventa città pontificia mentre Carlomagno ha l'autorizzazione di prelevare nella  città alcune opere d'arte per portarle ad Aquisgrana.
Momenti tremendi per i Venetici e nel 785 tutti i mercanti veneziani vengono scacciati dal territorio divenuto papale. Adriano va per la sua strada senza badare al risentimento del Doge e forte del fatto che a Bisanzio è reggente l'imperatrice Irene, favorevole anche alla venerazione delle immagini.
Il Doge Maurizo è isolato ma riesce a morire tranquillo nel suo letto (787), assistito dalle figlie, Agata e Suria, oltre che dal figlio Giovanni al quale lascia il dogado.

MODI DI DIRE

Ti vedarà che de rifa o de rafa ghe ne 'ndaremo fora
(da Ciò zibaldone veneziano)

(Vedrai che in un modo od in un'altro ne andremo fuori)

22 commenti:

  1. interessante post sulla storia di Venezia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enio, appena superato qualche problema di vita spero di poter ritornare a visite regolari.
      In ogni caso Buona Pasqua.

      Elimina
  2. Molto curiosa ed interessante la storia di questo mio omonimo veneziano :) Ma Suria che nome è? ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, forse ne sei la reincarnazione. Suria, deriva, ma prendilo con le pinze, da Surya, il dio sole in indù. Buone feste pasquali.

      Elimina
  3. Caro Elio, qui da te ce sempre da imparare nella storia della repubblica da San Marco, e dei Dogi.
    Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, altrettanto a te.

      Elimina
  4. Une histoire qui enrichit nos connaissances.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabete, scusa se è un po' che non passo da te. Le vicende della vita si stanno accavallando. Il 10 marzo sono dovuto partire d'urgenza a Venezia per il decesso di mia madre ed al ritorno uno dei nostri gatti è stato operato di un tumore all'intestino. Purtroppo il veterinario dice che non c'è niente da fare e che ne avrà al massimo per sei mesi. Certo che il 2015 non comincia bene per la nostra famiglia. In ogni caso, un amichevole abbraccio.

      Elimina
  5. Es bonito el enterarse de parte de la Historia y que tu has escrito muy Bien.

    manolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manolo, sto attraversando un periodo negativo, ma, appena posso, vengo a trovarti. Buona Pasqua.

      Elimina
  6. Di certo vivere nell'isolamento non sarà stato facile. Bello e interessante questo scorcio di storia veneziana che ci hai proposto.
    Buon fine settimana Elio e un grande abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sciarada. Passo a trovarti tra qualche giorno. Sono occupato con i problemi conseguenti al decesso di mia madre e dal fatto che uno dei miei gatti (Mirò - vedi un recente post) è stato operato di un tumore all'intestino. Ha bisogno di cure che gli somministriamo giornalmente, ma non credo che possa durare per molto tempo. Ciao.

      Elimina
  7. Bella la storia dei dogi.Buona serata Elio ...

    RispondiElimina
  8. Gracias por contarnos sobre historia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Boris, Grazie per la visita e buona Pasqua.

      Elimina
  9. Le tue storie Elio caro sono sempre magnifiche da seguire ..grazie di proporcele e togliere la polvere dalla mia ignoranza..
    Un forte abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella, la prossima volta accompagnerò il post con uno strofinaccio e toglierò un po' più di polvere. penso che accetterai la battuta. Ricambio l'abbraccio ed auguro a te e famiglia una buona Pasqua.

      Elimina
  10. Questi tuoi scorci di storia veneziana sono davvero molto piacevoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ambra. La prossima volta pubblicherò un modo di dire che si adatta al mio blog. Buona Pasqua.

      Elimina
  11. Caro Elio ti faccio le mie più sentite condoglianze per la morte di tua madre ......quando muoiono.
    i genitori muoiono anche le nostre radici.
    Ti abbraccio e ti auguro una buona Pasqua

    RispondiElimina
  12. Grazie Cettina, buona Pasqua anche a te e famiglia.

    RispondiElimina