AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 29 gennaio 2015

IL QUARTO DOGE - DIODATO (742-756)




Il quarto Doge non fu eletto subito alla morte di Orso perché seguì un ritorno al regime dei ministri militum che durò circa 5 anni. Se ne alternarono molti e l'ultimo di essi, Fabriciaco (febbricitante) non morì vittima di un'influenza, ma fu abbacinato (reso cieco con una lama incandescente) e scacciato. Una fine che avrebbero conosciuto altri al potere negli anni a venire.
Comunque, dopo questo periodo,, si ritornò al sistema dogale che continuò poi sino al 1797. Evacuata Eraclea, la sede governativa si trasferì a Malamocco dove fu eletto Diodato (o Teodato) che fu subito gratificato del titolo di "ipato" dai Bizantini. L'equilibrio fu molto difficile, se si cedeva con i Longobardi, il rapporto con Bisanzio si incrinava ed è quello che successe a Diodato. Pur avendo costruito il castello di Brondolo per difendersi dai Longobardi, non intervenne contro il re Astolfo che nel 751 conquistò Ravenna e l'Esarcato. Anzi, rinnovò l'antico trattato tra Venetici e Longobardi.
Arrivano allora i Franchi di Pipino e per Astolfo è la fine.
Tra i Venetici c'è aria di fronda ed un certo Galla, un tipo "infido", secondo il diacono Giovanni ed uno "scellerato" secondo Andrea Dandolo, depone ed acceca Diodato mandandolo in esilio.
Alla prossima.


MODI DI DIRE
(Da "Sensa peli sula lengua")


Siora Bèta dala lingua s-cièta
(La signora Elisabetta dalla lingua schietta)

Una donna che dice sempre la verità e cioé pane al pane e vino al vino. Oppure ricalcando il titolo del libro di Gianfranco Siega, senza peli sulla lingua.

28 commenti:

  1. Inizio a imparare un po la storia dei Dogi. Grazie caro Elio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Tomaso. Ne mancano ancora 116 e se non ritorno a Venezia per fare delle foto, continuerò a parlarvi di Dogi. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  2. Ciao Elio,
    adoro Venezia ed apprezza tantissimo i tuoi post di carattere artistico culturale.
    Complimenti per il blog.
    A rileggerci presto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovy, ed io apprezzo molto "L'angolo del sorriso". Vieni a trovarmi quando vuoi e sarai sempre la benvenuta. Un abbraccio.

      Elimina
  3. Ci insegni sempre storie interessanti e sfiziose, è sempre un piacere passare di qui :)

    RispondiElimina
  4. sembra quasi uno sciogli lingua il detto ma molto divertente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmine, sono contento che ti sia piaciuto il modo di dire ed hai ragione perché è in rima, oltre a poter annodare la lingua "s-cieta". Buon fine settimana.

      Elimina
  5. Ma ciao! Ma che bello leggere le parole in dialetto veneziano! Io son di Treviso, è un po' diverso, ma ci si capisce bene! Come mai dalla splendida Venezia sei finito nel sud della Francia? Adoro Venezia, appena posso ci vado sempre a far foto!! Grazie per la tua visita, passerò a trovarti ancora!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia, tra il veneziano ed il trevisano non è che ci sia poi molta differenza. Per quanto riguarda il quesito ti posso dire "Cherchez la femme". Mi sono sposato anni fa con una francese e quando sono entrato in pensione la ho riportata a casa. Se vai indietro nel mio blog troverai moltissime foto di Venezia che percorrono degli itinerari per chi non conosce bene la mia città natale. Passerò anch'io da te con piacere.
      PS - Il resto della famiglia risiede ancora a Mestre.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Anche a te Erika ed alla prossima.

      Elimina
  7. Ma questi Dogi o Ministri finivano sempre male !!!!!! Ma qualcuno che si godeva la vita e moriva
    vecchio di morte naturale nel suo letto....No? Ne mancano ancora 116 ,qualche speranza l'ho ,
    ma non farmeli morire tutti così....un pò di pietà....Laura A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono io che li faccio morire, ma ti tolgo ogni illusione. Se non sbaglio solo una decina sono morti di morte naturale. Buona domenica.

      Elimina
  8. Non sapevo ci fossero tanti Dogi! Molto interessante questo articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, se mi segui per altri 166 fine settimana (lol), arriveremo a conoscerli tutti. Buona domenica.

      Elimina
  9. Erano tempi feroci, dove ti passavano una lama incandescente sugli occhi! Da brivido. Non che oggi l'umanità sia cambiata di molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, hai perfettamente ragione. Tra accecare una persona ed inviarla in esilio verso il '700-'800, non vedo quale differenza ci sia quando nel XXI secolo si tagliano delle teste in pieno deserto o si uccidono 17 persone con il mitra o le pistole. Bisogna comunque precisare che a quel tempo, all'inizio della nascita della Repubblica Veneta, non era una questione di religione, qualunque essa fosse. Venezia ha commercializzato per secoli con l'Oriente dando la possibilità di aprire inoltre dei depositi a tutto il mondo. A Venezia c'è il Fondaco dei Turchi, il Fondaco dei Greci, c'è il primo Ghetto ebarico (non aveva comunque il medesimo senso di quello dato negli anni 1936-1945), la Riava degli Schiavoni riservata ai Dalmati. La differenza è quindi notevole perché oggi si uccide per un'offesa al Profeta senza conoscere il vero fondamento del Corano. Posso affermarlo perché io sono ateo, ma aperto a tutti i credenti di qualsiasi religione per discuterne in pace senza sortire le armi. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  10. quando ero a Milano in cortile dicevano "Damassa de ringera" per apostrofare le signore che spettegolavano e parlavano male del prossimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni città ha il suo modo di dire, ma quello che ho pubblicato vuol dire che la "Beta" diceva la verità e non parlava male degli altri. Ciao Enio, buona settimana.

      Elimina
  11. Tus entradas siempre son de gran interés para conocer la historia que relatas.
    Agradezco tu visita en mi espacio.
    Ciao e buona settimana.
    kasioles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te per la visita ed il complimento. Buon proseguimento di settimana.

      Elimina
  12. Amigo Elio, muy interesante y didáctica entrada, felicitaciones.
    Perdona por que últimamente paso poco por aquí, pero es que estoy muy mal de tiempo.
    Un fuerte abrazo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuel, non preoccuparti, ognuno fa quello che può. Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  13. Sempre interessanti i tuoi post sulla tua città, devo ammettere di essere molto ignorante in materia, è comunque sempre bello imparare da te in questo modo!
    Io adoro "el vin s-cièto" .. hahahahaha! Buona giornata Elio!
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e spero ti piacerano anche i prossimi che intervallo pubblicandoli ad ogni fine settimana. Il tipo di vino va bene anche a me perché "l'aqua rovina i pali". Buona giornata anche a te.

      Elimina