AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 13 febbraio 2014

ANCORA E SEMPRE VENEZIA

Molte volte ho contestato il passaggio delle navi da crociera nel bacino di San Marco e non voglio ripetermi con le contestazioni. Dico solo che per portare i turisti a Venezia ci potrebbero essere altre soluzioni. Forse si aspetta l'incidente per correre ai ripari?
A voi decidere. 








MODI DI DIRE
Invarigoalastronsi

(Intraducibile per decenza)

Viene così chiamato a Venezia lo scarabeo stercorario, sacro agli Egiziani, che, ancora oggi si trova al Lido di Venezia, mentre rotola palline di sterco per depositarvi le proprie uova.
Avrete quindi capito che "invarigolar" (pr. invarigoar) sta per arrotolare e deriva da "varigola" (pronuncia varigoa), il succhiello a coda che serve per fare dei buchi di invito nel legno.

26 commenti:

  1. Nei centri storici delle città ci sono i cartelli che vietano l'accesso ai mezzi sopra i 35 quintali per ovvie ragioni di restrizioni di spazio necessario a manovre e viabilità in genere. Si è mai visto un TIR nella piazza del Palio a Siena o sul Ponte Vecchio a Firenze o nei "budelli di Alassio...o...
    E' mai possibile che questi pachidermi possono "circolare" tranquillamente tra barche, motoscafi e gondole così? Ma non sarebbe semplice mettere dei cartelli tipo quelli di divieto di circolazione sopra i 35 q. ?

    Ciao Elio.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che questi cartelli dovrebbero essere messi da parte del Comune che non ha alcuna intenzione di posizionarli e di interrompere il flusso turistico. Dopo una protesta degli abitanti, la soluzione proposta dai politici era di far passare le navi per il Canale dei petroli. Come si dice a Venezia: "Peso el tacon che el buso" (Peggio la pezza che il buco). Pensa solo a cosa succederebbe se ci fosse uno scontro tra una petroliera ed una nave da crociera. Per entrare le navi vengono tirate da un rimorchiatore anteriore e frenate da un altro posteriore per evitare che la nave derivi. Anni fa il rimorchiatore posteriore è caduto in panne e, non più trattenuta, la nave è andata a sbattere posteriormente contro la banchina. Per fortuna era ancora all'altezza della Biennale. Pensa se fosse stata davanti il Palazzo Ducale, quante gondole e motoscafi avrebbe falciato. Buona giornata anche a te.

      Elimina
  2. des monstres.. ces navires.. jamais de ma vie je prendrai un bateau de cette envergure!
    ..et la vie à bord , avec les piscines,cinémas, spectacles et la 'bouffe'.. la soirée du capitaine est d'un mauvais goût... à la place de regarder la mer...! bises

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Elfi, ed inoltre un'Isola del Giglio può sempre essere sulla rotta. Non condivido questo modo di divertimento forzato. Bises anche a te.

      Elimina
  3. je suis résolument contre le passage de ces monstres devant San Marco et la Giudecca...je n'ose pas imaginer quel désastre cela serait si un accident se produisait...je me suis déjà trouvée plusieurs fois sur les Zaterre au pied d'un de ces " bateaux"...c'est impressionnant.. tout cela pour le fric, bien sûr...de plus ces touristes qui débarquent n'apportent rien à la ville, ils ne font que passer en troupeaux...bon, moi aussi, je suis une étrangère, une touriste mais pas de ce genre-là...c'était mon moment de mauvaise humeur..scuzy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danielle ce ne vorrebbero molti di turisti come te, quelli che amano la città e che non sbarcano solo per un giorno. Mangiano e bevono a bordo e poi vanno di qua e di là dietro una guida con ombrello. Tutti i veri amanti di Venezia sono contro questa abominia, compreso chi ci abita, perché per abitarci oggi, con i problemi che cisono, bisogna proprio amarla. La tua reazione non è affatti di malumore, ma molto vera e non c'è bisogno di scusarti. Buona serata.

      Elimina
  4. Caro Elio finalmente oggi sono riuscita ad entrare nel tuo blog ,ti auguro una buona settimana ed un buon San Valentino con tua moglie. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cettina, Google sta diventando sempre più matto. In questo momento quando clicco su "rispondi", invece di restare sul rettangolo bianco, il cursore va tutto in alto e sono costretto ad abbassarlo io stesso. Misteri dell'informatica. Grazie della visita e dell'augurio. Altrettanto a te.

      Elimina
  5. Oltre alla tua splendida Venezia, questi "modi di dire" che pubblichi creano dipendenza per me! Ha! Grazie! E abbraccio, Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che li pubblico solo per te e per Rosa (vedi qui sotto). Siete le uniche che ogni volta commentano il modo di dire. Avevo pensato di staccarli dai post su Venezia e creare dei post appositi, ma ci ho ripensato perché, tutto sommato, è meglio leggerli dopo aver visto le foto su Venezia. Buonanotte.

      Elimina
  6. ciao Elio, hai ragione, e' enorme questa nave, fa senso vederla girare a Venezia, stona, potrebbero inventarsi qualcos'altro appunto di meno invasivo,complimenti per le immagini e grazie per il modo di dire, non ci sarei mai arrivata senza la spiegazione, ciao buona serata rosa, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Rosa, tutti dicono che il moto ondoso rovina le fondamenta delle case, ma nessuno pensa che questi passaggi possano distruggere l'ecosistema veneziano. Lo scarabeo ti ringrazia per l'apprezzamento. A presto.

      Elimina
  7. Non averne...ma queste foto sono proprio brutte! E' una cosa davvero pazzesca che si possano permettere questi passaggi anche perchè non credo che Venezia abbia bisogno di attirare turisti.
    Questo modo di dire non solo non lo conoscevo , ma nemmeno avrei pensato che gli stercorari siano presenti proprio lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops ..ho sbagliato il verbo...

      Elimina
    2. Hai perfettamente ragione che non sono belle e quindi non posso offendermi. Non le ho scattate per fare un'opera d'arte, ma per denunciare quello che succede in una città già considerata a rischio. Per il verbo non preoccuparti, si capisce ugualmnete. Gli scarabei stercorari sono universali, ma, a Venezia, si trovano solo al Lido, ambiente favorevole al loro sviluppo. Buonanotte.

      Elimina
    3. Dimenticavo, sono contento che mi hai smentito perché avevo risposto più sopra che solo Patzy e Rosa, si divertono a leggere i modi di dire.

      Elimina
  8. giusto contestare un simile approccio a Venezia, ma vuoi mettere che tanti turisti si affaccino dalla nave per vedere la città dagli oblò come se stessero sul balcone di casa.... la Costa Crociere dovrebbe essere interdetta dal farlo con una legge adeguata, ma si sa che da noi in Italia questo non lo si farà mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enio, quando si arriva in aereo a Venezia, si prendono dei mezzi pubblici per andare in città e non vedo perché non si possa costruire degli attracchi per le navi in terraferma, verso Punta Sabbioni e portare i turisti in città con delle navette. Opera meno colossale del MOSE. Ma con i tempi che corrono dove andare a trovare i soldi ? Bisognerebbe lanciare una raccolta di fondi mondiale, visto che tutti dicono di voler salvare Venezia. Sperando poi che per gli appalti non ci siano dei trucchetti alla Sotchi. Ciao ed a presto (appena posso perché il mio PC è in panne e sto utilizzando quello di mia moglie).

      Elimina
  9. Maravillosa Venecia...

    un abrazo

    fus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fus, appena posso vengo a trovarti.

      Elimina
  10. É lamentável que as autoridades não se movam para resolver esse problema com a devida urgência,
    Entendo perfeitamente suas preocupações por aqui também encontramos algumas questões nessa mesma dificuldade.
    Beijos
    Joelma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita e della comprensione Joelma. Beijos anche da parte mia.

      Elimina
  11. Beaucoup de villes (dont Sète) aimerait bien accueillir aussi de tels mastodontes, hélas.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bonjour Alain, tu crois vraiment que ça serait un bien pour Sète? A la prochaine.

      Elimina
  12. Es un gran contraste que cruceros de repletos de turistas lleguen a una ciudad tan antigua y frágil.
    Pienso que deberían utilizar medios más pequeños para no dañar el entorno y la arquitectura.
    Preciosa Venecia, te dejo un fuerte abrazo, bella semana!

    http://sombriabelleza.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cris, Venezia ed io contraccambiamo l'abbraccio. Buona settimana anche a te.

      Elimina