AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

lunedì 18 settembre 2017

RUE DE LA FONTAINE DU PILA ST GELY



Come promesso, ogni tanto vi faccio visitare Montpellier. La strada di cui parlo  oggi è una di quelle che si possono definire "paleolitiche".

Infatti nel 2006 vi furono eseguiti degli scavi prima di iniziare la costruzione della linea n° 2 del tram. La strada si trova vicino al Verdanson, un corso d'acqua seminterrato di cui ho già parlato in altro post, e dei scientifici dell'INRAP (Istituto nazionale di ricerche archeologiche preventive) e del CNRS (Centro nazionale della ricerca scientifica) scoprirono un accampamento dell'epoca paleolitica, risalente a 11.500 anni. Gli ultimi cacciatori del Languedoc hanno lasciato dietro loro degli utensili e delle tracce di pasti vari (pesci e piccoli animali).
Tutti i ritrovamenti si trovano oggi nel deposito del museo Lattara (antico nome dell'attuale Lattes).

Oggi, in ogni caso, vi si può mangiare molto meglio. Alla prossima.




13 commenti:

  1. POST INTERESSANTE!
    Buona settimana.
    enrico

    RispondiElimina
  2. Caro Elio, non ci si stanca mai di ammirare i tuoi post sempre interessanti.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che ti sia piaciuto. Buona settimana anche a te e, come sempre, ricambio il tuo augurio finale.

      Elimina
  3. Caro Elio , come sempre , molto interessante questo post .
    Come si può immaginare che lì , 11.500 anni fa vivessero degli uomini ?
    Mi perdo nel tempo.......Buona settimana con abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse che c'era anche un mio antenato trasferitosi poi in Italia (lol). Il mio cognome deriva da Reinhald (tedesco) e da Renaud (francese)... quindi... Ricambio l'abbraccio e l'augurio.

      Elimina
  4. E' un bel modo di viaggiare rimanendo a casa, trovo bellissima la fontana; grazie Elio e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è una delle più belle ma non delle più imponenti. A Montpellier ci sono 100 fontane e forse, un giorno o l'altro, parto alla caccia di belle fotografie per un post dedicato all'acqua (forse per il 24 dicembre?). Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  5. Questa cittadina è davvero un piccolo gioiello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento Daniele ma non lo ripeterò ai miei amici (lol). Montpellier fa 300.000 abitanti, qundi un po' meno di Padova e Vicenza messe assieme e rientra tra le migliori città francesi dove si vive bene. Non dico che tutto sia oro, ci sono delle incivilità che mi fanno arrabbiare, ma nel complesso è vero che il clima è ottimo e la gente simpatica ed a posto. Ciao.

      Elimina
  6. Wow, una bellissima fontana. Grazie per le fotografie. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  7. Un grazie a te. Ti rispondo qua a un commento che hai fatto nel mio blog. Will al Parco Asia si diverte molto perchè l'area recintata dedicata ai cani è grande, speriamo che quest'area di parco rimanga per far correre e giocare i cani-

    RispondiElimina