AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

venerdì 26 maggio 2017

LA SAGGEZZA DEL GATTO 18

L'ARTE DI FARE DEI VOCALIZZI
Con un repertorio di un centinaio di suoni, il gatto può anche cantare. Tutto un mondo da scoprire!



Il gatto miagola e si esprime a suo modo. Sarebbe meglio conoscere il suo vocabolario per capirlo e comunicare con lui. Per chiedere egli dice "mew". Se non lo si ascolta attentivamente, si arrabbia e dice "mraou" e quando si è a sua disposizione, per servirlo, dice "mre" (grazie).
Il repertorio felino comprende dei mormorii, delle vocali, dei suoni di alta intensità. Si può anche far cantare un gatto (io non ci sono riuscito)! Lo sentiamo mettere ed aumentare il volume spontaneamente. le sue vocali vanno da "miaou" a "môôô" ed a "mmaâaoou" e, secondo l'umore, ci dà dentro. E' sufficiente che ritrovi un gioco, dimenticato da tempo, o che sia eccitato da un peluche alla valeriana perché si lanci in una fuga in "miaou "maggiore" con un crescendo.
E' così che "La fuga del gatto" (1729) non è di Scarlatti, ma del suo gatto! Quest'ultimo aveva la mania di passeggiare sulle partizioni e di correre sui tasti del piano. Un giorno il suo padrone prese la briga di prendere un foglio e di scriverci le note!

E NOI ?

Cantare per esprimere la propria gioia, il proprio stupore, il gusto di vivere, è buono per il morale. Nello stesso tempo che ci scopriamo dei talenti vocali, creiamo la nostra propria musica d'accompagnamento. Eccellente mezzo di decompressione.



PS - Non è facile rendere i vari miagolii di un gatto e quindi mi perdonerete la mia idea di provare a scriverli.

13 commenti:

  1. Caro Elio rieccomi dopo la grande adunata di Treviso, io ho,potuto fare molte foto dalla tribuna coperta, e se ti piace vederle passa da me!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho già visto una parte ma torno a vedere anche le altre. Ciao e buon fine settimana.

      Elimina
  2. Quels jolis chatas!
    Bon week-end.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Merci Elisabete, mes deux chattes (Selma et Frida)serons très contentes. La prochain fois ça sera Matisse. Bon WE.

      Elimina
  4. Ma è vero che i gatti sanno cantare? O è una bufala ? Comunque , beati loro ....
    Li invidio perchè noi siamo tutti stonatissimi , non cantiamo mai altrimenti
    emettiamo dei suoni che TI farebbero rabbrividire . Sto un po meglio .
    A risentirci . Buon week-end a tutta la famiglia , auch die Katze . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Lara, naturalmente non è un cantare come gli umani ma nel loro linguaggio sono intonati. Uno può essere anche stonato ma, sotto la doccia, chi lo sente? Inoltre sono gli altri che decidono se sei stonato o meno. La famiglia (i gatti cantando)ringrazia ed augura a sua volta un buon fine settimana.

      Elimina
  5. Mi piacciono questi tuoi post sui gatti. Qui hai anche inserito la classica con Scarlatti, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, ne ho ancora solo tre ma poi passerò a qualcosa d'altro sempre sul mio animale feticcio (anche se non disdegno i cani, anzi li amo ugualmente). Per la musica classica ed in particolare per la lirica ho una vera passione (condivisa da mia moglie). Sino a qualche anno fa riuscivo a cantare, con successo, "Nessun dorma" dalla Turandot ma, oggi, dopo un problema alle corde vocali mi permetto solo canzoni classiche napoletane, romane e veneziane. Buon WE.

      Elimina
  6. Simpastico il tuo post, e meravigliosi i gatti che adoro. Ho avuto un diavoletto nero, indipendente e volitivo, un angelo bianchissimo a pelo lungo con occhi celesti che stava ore sulle mie gambe a fare le fusa, e l'ultima Celeste, una selvaggia equilibrista, che parlava.
    Oggi sono sola, e non potrei tenere un gatto per il mio spirito nomade, ma sono dei vedi conviventi, puliti, civili, e non rompono come i cani, che disturbano interi palazzi se solo passa un vicino.
    Elio quest'anno niente Provenza, il mio amico purtroppo non c'è più.
    Un sorriso grande Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gingi, ti ringrazio per la visita e mi dispiace veramente per la notizia che mi dai. Ricambio il sorriso e ti invio un grande saluto.

      Elimina
  7. il mio gatto dopo un pò sembrava parlasse un suo linguaggio, quasi non miagolava più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Enio e questo conferma che il libro da cui traggo le idee è una pubblicazione seria. Buon proseguimento di settimana.

      Elimina