AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 26 aprile 2012

SIAMO SEMPRE IN PIAZZA SAN MARCO

Torniamo a Venezia e, come vi avevo promesso nel post precedente relativo alla mia città natale, vi presento la "colonna della vita". Si trova sullo stesso lato della Porta della Carta, di fronte alla Biblioteca Marciana.



Le otto facce, rappresentano il percorso di una coppia

I due si conoscono


Cominciano gli incontri


Si sposano


Il primo bacio (così era in quei tempi, solo dopo il matrimonio. Ma non ne sono troppo convinto.


Si va a letto ...


... e questa è la conseguenza, nasce un bambino


Il bambino cresce e ...


... putroppo muore



E' una storia che finisce male, ma la mortalità infantile era molto alta in quel periodo.


Questa volta, invece di pubblicare il solito modo di dire, preferisco lasciarvi con la "Barcarola di Offenbach", ma cantata in italiano da Berto da Preda;



34 commenti:

  1. O trabalho do escultor é belíssima, e consegue contar todas as etapas de uma vida.
    Parabéns por mais uma bela postagem.
    Tenha um lindo lindo.
    Abraços de paz.
    Lua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lua, ed un abraço de paz anche a te.

      Elimina
  2. Caro Elio Venezia è sempre Venezia io non mi stanncherò mai fei vedere le sue grandi opere.
    Buono giornata Caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, a quando la partenza per la Turchia? Un caro saluto.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Cavaliere, ma come avrai notato il mio blog non è molto impegnato come il tuo. Ma se si dovesse fare qualche azione tra blogger, sono pronto.

      Elimina
  4. Se penso a tutte le volte che sono passata da piazza san Marco, e mai mi sono accorta di questi bellissimi particolari, ottimamente fotografati da te che non ti smentisci mai!
    Bravo Elio!
    Un abbraccio.
    Dony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Doni, per conoscere certe cose o si ha una guida o bisogna essere nati a Venezia, oppure viverci da tempo. In ogni caso, grazie per i complimenti. Ho seguito le tue istruzioni, uguali a quelli di altri, ma non funziona. Apro e mi mette una visita in più. Va a finire che scrivo a Blogger. Buonanotte.

      Elimina
  5. bellissimo questo post...complimenti! peccato x il bimbo che muore...che tristezza...però cavolo potevano farla finire bene no?
    O far rimanere in vita il figlio e morivano i genitori come uno spesa accada...
    grazie come sempre x la visita nel mio blog e il commento, ho risposto alle tue domande nel mio post^^ baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho cercato con martello e scalpello di modificare la storia, ma non ci sono riuscito (lol). Fra poco arrivo. Buonanotte.

      Elimina
  6. C'est à mon sens le plus beau et le plus émouvant des chapitaux!J'aime beaucoup aussi le" Jugement de Salomon" à la Porta della carta".Amitiés
    Danielle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Toujours d'accord avec toi Danielle, mais je ne pas photographié le Jugement à cette occasion. A bientôt.

      Elimina
  7. Non li avevo mai notati quei capitelli, ma del resto non conosco purtroppo così bene Venezia, peccato la storia finisca male!
    Grazie dei bei particolari che ci fai conoscere.
    Buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonanotte anche a te Adriana. Il mio scopo è proprio questo far conoscere certe cose che non tutti conoscono.

      Elimina
  8. Storia triste...ma molto bella! meritava di essere raccontata...
    Grazie Elio delle cose che ci insegni!
    Buona serata :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Elio! Quando racconti di Venezia ti leggo anche piu' volentieri.Amo Venezia e andare alla Biennale ogni 2 anni è solo una scusa per visitare questa citta' cosi' bella. Quando l'anno prossimo ci tornero', guardero' le cose con occhi diversi. Continua cosi', sei una fonte inesauribile di novita'. Buon compliblog! Come va la dieta?
    E poi, W la fotografia. Io lavoro presso un negozio fotografico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti. La mia non è proprio una dieta perché sono andato da una nutrizionista che mi ha spiegato come abbinare gli alimenti per non prendere peso e mi ha indicato la quantità dei cibi in base a quanto spendo con nuoto e ciclismo. Ho perso tre chili in una settimana. Se continuo così diventerò un'acciuga e quando andrò a nuotare al mare spero che non ci siano pescatori(lol). Buonanotte.

      Elimina
  10. Stavolta devo ringraziarti anch'io per avermi insegnato qualcosa che non conoscevo. La prossima volta che passo per la piazza andrò di sicuro a cercare la "colonna della vita" e da lì ti penserò.
    Ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dona, la riconoscerai facilmente perché è l'unica il cui appoggio sporge leggermente rispetto al restante lastricato, come puoi notare anche nella prima foto. Adesso aspetto che mi fischino le orecchie, quando mi penserai. Buonanotte.

      Elimina
  11. Ci devo ritornare a Venezia ... è troppo bella!
    Le tue foto sono un fiore all'occhiello e mettono in risalto tutta la bellezza di questi luoghi da sogno.
    W Venezia, W l'Italia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miryam, grazie per il complimeto e d'accordo con te: W Venezia e W l'Italia. A presto.

      Elimina
  12. Una colonna che vibra di puro lirismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriano, assieme alla colonna del giudizio di Dio presentata nel precedente post su Venezia, sono quelle più rappresentative, anche se i capitelli di tutte le altre sono ugualmente scolpiti. Ai mie occhi rappresentano la vita e la morte.

      Elimina
  13. Espectaculares fotos como siempre amigo Elio y es que Venecia da para mucho.Yo creo que no nos cansaríamos nunca de fotografiarla y mucho menos de visitarla. Yo ahora tengo un visita muy grata pues han venido los suegros de mi hija que como te dije son italianos, siempre me dicen que tengo ir a hacerles una visita a su casa en Pescara que según dicen es preciosa también, así que en cuanto pueda nos daremos una vuelta mi esposa y yo para conocer esa hermosa tierra.
    Buen fin de semana y un fuerte abrazo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Josep, prima di tutto grazie per la visita. Dai il mio saluto ai suoceri di tua figlia con un caloroso "Benvenuti in Spagna", pardon, "Benvenuti in Catalogna". Conosco Pescara perché un anno sono andato a fare le vacanze in un campeggio nei pressi di questa città, ma era sul mare. Non mi ricordo il nome. Spero che tu e tua moglie riusciate un giorno ad andarvo e potreste approfittare per andare a visitare Roma. A presto.

      Elimina
  14. Élio, Amigo

    Uma História (a História) gravada na pedra e contada como deve ser.
    Pormenores de Escultura, a que Veneza nos habituou a ver. Belíssimo trabalho.
    Parabéns, Amigo

    Abraços

    SOL
    http://acordarsonhando.blogspot.pt/

    RispondiElimina
  15. Ciao Sol, forse Firenze e Roma sono più ricche di sculture, anche perché hanno una più grande dimensione, ma Venezia si difende bene con le sue statue, con i bassorilievi e gli altorilievi.

    RispondiElimina
  16. Ciao Elio, je dois dire que je n'avais jamais remarqué cette 7e colonne, avant d'avoir lu le passage dans le livre de Tiziano Scarpa " Venezia è un pesce ". Aussi lorsque je suis retournée à Venise, je l'ai cherchée et j'ai suivi l'histoire en tournant autour de la colonne dans le sens contraire d'une montre. La plus triste et désolante histoire d'amour qui ait jamais été racontée.
    J'aime beaucoup les observations de Scarpa qui dit qu'au Moyen Âge, c'étaient les filles qui draguaient les garçons et que l'on faisait l'amour avant de se marier...!!!
    Connais-tu la colonne des animaux avec une proie ? MUSIPUL, le chat qui tient un rat dans sa bouche !
    Bon dimanche
    Danielle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' esatto Danielle la colonna si "legge" in senso antiorario. Non ho letto il libro di Tiziano Scarpa, ma erano mio padre e mia madre che mi portavano in giro per Venezia facendomi notare le cose, compreso la colonna in questione e quella del giudizio di Dio del post precedente su Venezia. Per quanto riguarda "les filles" è per questo che ho detto nel commento che non sono convinto che le coppie aspettassero il matrimonio per baciarsi, ma vedo che, grazie al libro, tu conosci bene le usanze del tempo. Per la colonna degli animali puoi darmi notizie più precise, perché non la localizzo. Grazie della visita ed un amichevole abbraccio.

      Elimina
  17. Ciao Elio, quante cose si scoprono da te.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano e grazie della visita. Adesso vado da te perchè ho intravisto la nuova ricetta. Buona serata domenicale.

      Elimina
  18. Risposte
    1. Grazie Federica, ma non è una questione di occhio. E' una cosa che mi hanno insegnato i miei genitori, come pure la colonna del Giudizio di Dio nel precedente post su Venezia. Buona festa.

      Elimina