AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

lunedì 30 gennaio 2017

SAGGEZZA DEL GATTO - 6

L'ARTE DI AVERE FIDUCIA

Sul dorso, zampe all'aria, offre il suo ventre all'atmosfera e la sua fiducia agli altri. Distensione assoluta!

Non sono molte le volte che un gatto assume la posizione sudescritta. Si trova in una tranquillità totale e si rimette totalmente a chi lo circonda. Si abbandona a questa ambianza tranquilla, pacifica, nella quale si trova il suo picolo mondo familiare. Non una parola troppo alta, non un gesto che rompa la calma piatta di un pomeriggio d'autunno! Il gatto conserva le zampe sospese e ripiegate offrendo la pancia. Rimane immobile con gli occhi che sembrano ridere. Se lo si chiama si arrotola e mostra tutto il suo fascino. Rilassamento totale. I suoi nervi sono a piatto, dove sono i suoi muscoli ? Il suo istinto di predatore ? Le sue unghie, la sua mascella, i suoi miagolii ? Si trasforma e diviene l'opposto di sè stesso.
Iperattivo, reattivo, il solo predatore che - contrariamente ai suoi grandi cugini, la tigre ed il leone - si sia lasciato domesticare dall'uomo, il gatto viene subitamente afferrato dall'istante.

E noi ?

Possiamo così offrirci al tempo,  abbandonarsi totalmente, senza la minima resistenza, evacuando la nostra energia, le nostre velleità, le nostre frustrazioni ? Lasciare presa ? Accettare ciò che si presenta, non lottare, per meglio rinnovarci e scambiare con gli altri ?
Ammetto che non è facile, in questo caso, imitare i nostri amici a quattro zampe.



12 commenti:

  1. La mia lo fa al mattino quando ci alziamo e poi e quando torniamo a casa corre in camera e si butta sul tappeto a pancia all'aria ahaha
    Ciaooo buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chi avrà insegnato a tutti i gatti del mondo di comportarsi nello stesso modo ? Penso sia una cosa innata. Buona serata anche a te.

      Elimina
  2. Elio, aqui dizemos que o gato é quem escolhe o dono, o ama muito mas nunca aceita ter dono, diferente dos humanos que se vendem ao menor esforço alheio e sempre se dão mal, pois ter dono não faz parte da natureza dos animais racionais ou não, mas ter e manter afeto é da natureza de todos, sera que estou errada?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente d'accordo con te. A presto

      Elimina
  3. Il nostro Alfredo, così si chiama il nostro piccolo e affettuoso amico, quella posizione la assume a dire il vero molto spesso, più volte al giorno e con ognuno di "noi" senza differenza. Probabilmente si abbandona totalmente all'affetto familiare che lo circonda. Come termini nel tuo post, Elio, non credo che per noi "umani" sia così altrettanto facile abbandonarsi così disarmatamente.
    Ciao Elio. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pino, che piacere rileggerti malgrado io sia stato un po' assente. Ma dalla prossima settimana ricomincio il giro completo dei miei amici follower. Per quanto riguarda le ultime righe del tuo commento ti posso dire che, purtroppo, è la vita che ci insegna la diffidenza. Ricambio il saluto e buonanotte.

      Elimina
  4. Quando vado a trovare conoscenti o anche negli alberghi, se accarezzo il loro gatto, capita spesso che si metta pancia all'aria e la cosa stupisce sempre i proprietari ed anche me che ho sempre avuto cani e gatti e conosco il loro comportamento.
    Felice giornata
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gatto sa riconoscere chi lo ama e gli è amico per cui può fargli conoscenza. Prova ad avvicinare ad un gatto qualcuno dei pochi che non lo ama e vedrai come si metterà in difesa. Ciao ed a presto.

      Elimina
  5. La mia bianca si mette in quella posa le rare volte, ormai, che vuol giocare. io le faccio i grattini sulla pancia e lei mi morde le mani. Purtroppo ora è vecchia, non sta più tanto bene e questo accade raramente, adesso.
    No, non è facile imitare i nostri quattro zampe. un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mordere le mani è un segno di affetto perché non affonda i denti come un vero morso. Forse la tua ha ora un po' di difficoltà a gestire certi movimenti ma tu prova ugualmente a grattarle la pancia anche se non si girà. Credo che lo apprezzerà molto. Ricambio il saluto e buona serata.

      Elimina
  6. Tu lo sai , Elio ,che non amo particolarmente i gatti , ma li rispetto così come
    rispetto tutti gli animali ad eccezione dell'insetto zanzare . A quelle piace il
    mio odore , mi succhiano volentieri e mi fanno venire dei bubboni pruriginosi...
    Quelle , se posso , le ammazzo con un piacere sadico . I tuoi gatti però , mi
    piacciono tantissimo (non faccio la ruffiana). A proposito , non ho sentito più
    niente di Frida , come sta ? Buona notte a tutta la famiglia . Laura

    RispondiElimina
  7. Non potendo rispondere direttamente sul tuo commento ne creo uno nuovo. Nessuno dice che bisogna per forza amare un tipo di animale; l'importante è non fare loro del male. Per le zanzare ho comperato l'estate scorsa una specie di lampada che contiene un filtro con l'odore della pelle umana (è il nostro odore e sudore che le attira). Appena la zanzara si avvicina viene aspirata all'interno dell'apparecchio. Oppure utilizzo una racchetta elettrificata e andrà a finire che divento meglio di Nadal.
    Frida va leggermente meglio e domani pomeriggio la portiamo per un controllo. Mangia un po' di più e speriamo bene. Buon proseguimento di settimana.

    RispondiElimina