AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 20 ottobre 2016

IL CASTELLO CATARO DI PEYREPERTUSE

Le foto di questo post sono mie



Il castello di Peyrepetuse è un castello situato nel comune di Duilhac-sous-Peyrepertuse nel dipartimento francese de l'Aude. Esistente nel XIII secolo, fu uno dei castelli catari. Dopo la crociata degli Albigesi passò in mano ai francesi e fu abbandonato alla fine del XVIII secolo.
Il nome, forse, deriva dal latino petra pertusi ("pietra forata"), indicando la probabile antichità dell'insediamento. Il sito presenta inoltre tracce di occupazione di epoca romana, risalenti agli inizi del I secolo a.C.
La prima menzione del castello risale all' XI secolo. Nel  1070 si trovava in possesso dei conti catalani di Besalù, dai quali passò in seguito (1111) sotto i conti di Barcellona. Fu quindi feudo assegnato al visconte di Narbona.
Nella prima metà del XIII secolo, all'epoca della crociata albigese doveva essere un villaggio fortificato, in corrispondenza della parte intermedia: probabilmente si trattava di case in pietra circondate da un muro e raccolte attorno ad un torrione, come al contemporaneo castello di Montségur. Il signore del castello, Guillaume di Peyrepertuse, dopo essersi arreso senza combattere a Simone di Monfort nel 1217, ai tempi della crociata albigese, fu scomunicato nel 1224 per non aver rispettato i propri impegni. Si arrese nuovamente dopo la resa di Carcassonne nel 1240 e il castello passò alla Francia.
 Nel 1242 Luigi IX,  fece scavare nella roccia la scala di accesso alla parte alta, che porta tuttora il suo nome, e nel 1250 – 1251 fu costruito il nuovo maschio di San Giorgio, con l'omonima cappella, e restaurato il maschio della "Rocca bassa" con la cappella di Santa Maria, probabilmente preesistenti. Con il trattato di Corbeil del 1258 diviene una delle fortezze reali francesi poste a difesa dei confini con il regno di Aragona.
Nel 1285 offrì rifugio ai notabili della città di Perpignano durante la guerra condotta dal re Filippo III l’Ardito contro il re Pietro III d’Aragona. Nel 1355 fu restaurato e nel 1367-1368 vi si rifugiò, sotto la protezione del re di Francia, Carlo V, Enrico di Transtamare, pretendente al trono di Castiglia, dopo la sconfitta subita nella battaglia di Navaretle.
Nel 1542 Jean de Graves, signore di Sérignan, protestante, si impadronì del castello, ma fu presto sconfitto e condannato a morte.
Dopo il trattato dei Pirenei del 1658 che stabiliva definitivamente il confine tra Spagna e Francia allo spartiacque dei Pirenei, perse di importanza strategica e fu custodito da una guarnigione ridotta, comandata da un ufficiale subalterno. Fu infine abbandonato durante la Rivoluzione francese e venduto nel 1820.
A partire dal 1950 è stato interessato da interventi di restauro e consolidamento. I resti accolgono oggi circa 100.000 visitatori all'anno.
La fortezza, posta in cima ad una roccia naturale (800 m s.l.m.), sulle cui pareti a strapiombo sono impostate le mura, occupa un'area lunga circa 300 m e larga 60 m, che comprende tutta la sommità della collina. E' suddivisa in tre parti : bassa, media ed alta, o "castello di San Jordi" (San Giorgio).
L'accesso è posto a nord, al termine di un ripido sentiero, ed è difeso da un feritoia. La fortezza "bassa" è costituita da una cinta muraria a pianta triangolare, con due torri semicircolari a difesa dell'accesso sul lato settentrionale, lungo 120 m ed il bastione triangolare, a tre piani si trova sulla punta, che domina la valle sottostante. All'interno, sul lato meridionale, a strapiombo sulle rocce, si trovavano i magazzini e le latrine. All'angolo sud-ovest si elevano il maschio centrale e la cappella dedicata a Santa Maria, già esistenti durante la fase catara, con una cisterna per l'acqua. Le due strutture sono collegate da un muro che forma una corte interna al castello stesso, da cui si accede, per mezzo di una porta sul lato occidentale alla parte intermedia della fortezza.
La fortezza di "mezzo" è costituita da una cinta muraria che delimita lo spazio dove doveva trovarsi un tempo il villaggio cataro e che consente l'accesso alla parte alta con il "castello di San Giorgio", costituita da un'altra cinta muraria con maschio centrale e ugualmente dotata di una cisterna per la raccolta dell'acqua piovana.








Scusate, ma per altre ricerche vi invio su Internet. Un amichevole abbraccio.

23 commenti:

  1. Belle foto cara Elio, nonostante che hai problemi, di vario genere non riesci mai ha stare fermo!!!
    Ciao e buona pomeriggio con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) anche a te. Torno da aver fatto le spese con mia moglie e trovo il tuo commento. Cosa si vuole di più? Mi è piaciuto molto il tuo post su "Il faro".
      Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  2. sarà un pò difficoltoso arrivarci a sto "catelletto"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enio, al castello ci si arriva in vettura e, poi, basta prenderla con calma. Si marcia lentamente e poi, senza far finta di niente, ci si ferma per fare una foto e tirare il fiato. Grazie della visita e buon fine settimana.

      Elimina
  3. Grazie degli auguri sempre graditi!
    Spero che tu abbia superato i problemi di salute...
    buon week-end! Renata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Renata. I problemi sono ancora in corso, ma stanno migliorando. Buon fine settimana.

      Elimina
  4. Mi piace molto questo tema che hai scelto ... e ho trovato molto bello questo castello. Grazie per aver condiviso le tue foto. Elio abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patzy finito i Catari, tornerò ai miei dogi. Grazie del complimento e buona domenica.

      Elimina
  5. Molto affascinante questo castello e la sua storia, che ci hai voluto raccontare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho altre due in cantiere e poi torno ai dogi. Ciao e buona domenica.

      Elimina
  6. ciao
    interessante la storia del castello e molto affascinante. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Robby, un abbraccio a tutti tre.

      Elimina
  7. É um Castelo belíssimo. Gostava de ter vivido na época de todas as suas épocas. Documentas muito bem os teus Posts e isso deixa ficar resíduos de conhecimento que doutro modo passavam ao largo.
    Parabéns, Elio. Que a tua saúde não te impeça de Postares.

    Abraço
    SOL

    RispondiElimina
  8. Si tratta di un bellissimo castello. Mi piaceva di aver vissuto nel tempo di tutte le sue stagioni. Documenta bene il tuo post e si lascia dietro residui di conoscenza che altrimenti se ne andò.
    Congratulazioni, Elio. Che la vostra salute non ti impedisce di Postares.

    Abbraccio
    SOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sol, vedo che ti metti all'italiano. Mia moglie ha qualche conoscenza del portoghese (reminescenze scolastiche) ma io sono proprio nullo nella tua lingua. Peccato anche se parlo e scrivo altre lingue.
      La salute sta migliorando e sembra che l'operazione sia scartata. E' già bene così. Buona settimana.

      Elimina
  9. Meramente affascinante, sia la storia che il castello.
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincenzo, quando vuoi passa da queste parti e studieremo la possibilità di vederne due o tre nella stessa giornata. Per il fine settimana prossimo ne sto preparando un'altro. Di storia ce n'è in tutti i paesi del mondo. Buona settimana.

      Elimina
  10. Ciao Elio , veramente questo racconto affascina . Quello che mi stupisce è che
    hanno trovato tracce già nel I secolo A.C. e in seguito si parla del 1.258 .
    Come hanno fatto insediarsi lassù e costruire con i pochi mezzi di trasporto che avevano , per me è un mistero . Tu lo sai ? Un abbraccio e buona settimana . L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, penso che abbiano trovato dei sistemi non troppo faticosi come del resto gli egiziani quando hanno costruito le piramidi. Molti credono che siano state costruite da schiavi frustati in continauazione (vedi qualche film americano di qualche anno fa) ed in realtà erano dei volontari che pensavano di guadagnare il paradiso lavorando per il faraone. Venivano trattati comunque abbastanza bene ed avevano dei mezzi speciali per sollevare o trascinare i blocchi di pietra. Penso che i Catari abbiano copiato (lol). Buona settimana a tutta la famiglia.

      Elimina
  11. bello e maestoso un conto è leggerlo un conto è vederlo cosi, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensaci Carmine, vieni a vederli direttamente questi castelli così avremo occasione di conoscerci. Buona serata.

      Elimina
  12. I castelli sono sempre affascinanti con tutta la storia che si portano dietro e le tue foto sono molto belle.

    RispondiElimina