AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 8 ottobre 2015

SECONDA STORIELLA VENEZIANA (UN PO' SPINTA)

Come ho già precisato nella prima storiella metterò degli accenti per far capire la pronuncia. Questa storiella è un po' più spinta della precedente, ma credo che con i tempi che corrono non sarà poi tanto volgare.

VENEZIANO


Gigio frutariòl gà 'el sospèto che so mugèr ghe fasa i corni e, par zonta, quando che 'l va a lavoràr ghe toca pasàr davanti un posto 'ndove che ghe ze un papagà che ogni volta che 'l lo vede, el ghe fa: "béco ! béco ! " (veramente 'l ghe lo dise a tuti come che ghe gh'à insegnà el so paròn).
Un zorno che Gigio se gà stufà de 'sta musica, el se veste da dona par no eser conosùo, ma co 'l pasa davanti al papagà, questo 'l ghe fa : "béco e reción ! béco e reción !".

ITALIANO


Il fruttivendolo Gigio (Luigi) ha il sospetto che sua moglie gli faccia le corna ed, inoltre, quando va al lavoro è obbligato di passare davanti un luogo dove c'è un pappagallo il quale, ogni volta che lo vede, gli dice "becco ! becco !" (In realtà lo dice a tutti come gli ha insegnato il suo padrone).
Un giorno che Gigio si è stancato di questa musica, si veste da donna per non essere conosciuto, ma quando passa davanti al pappagallo, questo gli fà :" becco e recchione! becco e recchione!".

Alla prossima.

23 commenti:

  1. Ma no che non è spinta. Invece mi ha fatto ridere a crepapelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, ho detto solo che era un po' più spinta dell'altra. Tu, Laura ed Elisabete siete in gara per l'elezione della più valida commentatrice del mio blog. Non si vince niente, m fa sempre piacere essere in testa. Un abbraccio.

      Elimina
  2. ihihihih!!! divertentissima!!! ciao Elio buon weekend!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E bravo il caro Elio, che ci fa sorridere,:) Lo sai ne abbiamo proprio bisogno.
      Ciao e buona giornata caro amico, sperando che tuttao va sempre bene.
      Tomaso

      Elimina
    2. Per Nanussa - Grazie, alla prossima.e buon fine settimana.
      Per Tomaso - Carissimo, io ormai sono a posto e spero che anche tu, entro breve tempo, potrai dire addio ai tuoi problemi. Purtroppo i nostri 20 anni non possono più tornare e quindi cerchiamo di vivere il meglio possibile. Buon fine settimana anche a te

      Elimina
  3. Ciao Elio, è una barzelletta simpatica, non è spinta e si può raccontare anche alle suore di clausura :-)
    Buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se le suore di clausura si eccitano, come va a finire ? (lol). Ciao e buon WE anche a te.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Ciao, commento stringato ma molto chiaro. Buon fine settimana.

      Elimina
  5. ¡Hola Elio!!!

    No entiendo mucho en idioma pero intuyo que es gracioso tu texto, cuando se trata de imágenes, es otra cosa, se percibe mejor para comentar.
    Siempre es un placer pasar por tu casa.

    Un abrazo y feliz fin de semana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, lo so che il traduttore di Google non è molto valido, ma può dare un'idea di quello che si dice. Clicchi su TRANSLATION la bandiera spagnola (quella in basso al centro) e tutto il mio blog appare in spagnolo. Ricambio l'abbraccio e buon WE anche a te e famiglia.

      Elimina
  6. Ahahah! Mi é piaciuta questa idea delle "storielle veneziane"! Mi hai fatto ridere. Buon fine settimana, Elio. Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patzy, ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  7. Una storiella deliziosa, amico mio, come delizioso è il dialetto veneziano.
    Se Goldoni non fosse nato a Venezia, probabilmente avrebbe fatto un altro mestiere. ^__*
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo su Goldoni e se questo non fosse esistito, Cesco Baseggio si sarebbe dato a cose ben diverse dal teatro. Ricambio il saluto.

      Elimina
  8. mi sa che il tizio era un cervo a primavera e se n'è accorto pure il pappagallo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente sì, Federica, ma non scomodiamo Cocciante per questo. (lol). Buonanotte.

      Elimina
  9. Risposte
    1. Grazie Robby, l'hai letta anche a Will ? Un amichevole abbraccio a tutti voi.

      Elimina
  10. Ahahah simpatica, non la si fa hai pappagalli che oltre alla lingua hanno anche l'occhio lungo. Buona domenica sera carissimo Elio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domenica sera l'ho passata bene essendo più tranquillo. La mattina sono uscito in bicicletta facendo solo 25 km e non è andata tanto male. All'ultima visita la cardiologa mi ha detto che ci rivedremo fra tre mesi e che potevo riprendere anche la marcia in campagna e montagna. Quindi, meglio di così. Per quanto riguarda i pappagalli ti posso dire che io non riesco ad aver ragione neanche con i miei quattro gatti. Loro e mia moglie (lol) hanno sempre ragione. Un abbraccio.

      Elimina
  11. Non è assolutamente spinta ma , spiritosa . Mi sono fatta una bella risata . L'avevo letta giovedì
    ma non volevo essere la 1" a commentare così l'ho fatto ora . Buona settimana . Laura aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa è partita la a e te la lascio .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto attento a non far partire la "o". Ciao Laura e grazie di essere sempre presente, anche se non prima, cosa che potrai sempre fare se ti va a genio.

      Elimina