AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

domenica 19 aprile 2015

TORNIAMO IN BORGOGNA

Direi di lasciar perdere, per il momento, le mie passeggiate all'aria libera e portarvi ancora una volta in Borgogna ed esattamente a Beaune, dove si trovano "Les Hospices" detti anche "Hôtel-Dieu".
Sono in stile gotico con i tetti in tegole verniciate (tipiche della Borgogna) e la loro costruzione si deve a Nicolas Rolin, duca di Borgogna ed alla sua sposa Guigonne de Salins.
Il nome stesso lo dice, si trattava di un ospizio dove venivano ricoverate e curate le persone che non potevano permettersi delle cure di rinomati medici.
Inoltre bisogna sapere che l'ospizio è proprietario di un ampio territorio coltivato a vigneto e che il vino prodotto è di ottima qualità. Viene venduto solo all'asta per finanziare con il ricavato la gestione dell'insieme.
L'immobile è classificato sin da 1862 come monumento storico ed oggi è trasformato in museo della medicina. All'interno si trova esposto il polittico "Le jugement dernier" di Rogier van der Weyden, di cui vi parlerò in un altro post.
Allora entriamoci con una prima parte di fotografie.

Partiamo con il cortile interno e gli immobili che lo ricondano







Ed ora entriamo per vedere i letti dove venivano stesi gli ammalati e le travi che attraversano il soffitto. Come noterete queste travi finiscono, sia da un lato che dall'altro, nella bocca di esseri fantastici e tra loro delle piccole opere in legno.





Dopo aver visto il soffitto, ecco il  pavimento


Ancora una rappresentazione di quei tempi scaldino compreso


In ogni stanza si trova un altare dove si celebrava, a suo tempo, la messa




Il laboratorio di filatura


Alla prossima.

12 commenti:

  1. Caro Elio, complimenti di queste stupende foto!!!
    Ciao e buon inizio delle settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, altrettanto a te.

      Elimina
  2. Accidenti , che posto splendido !!!!! E lì venivano ricoverati i poveri ? Beati loro.....
    Bellissime foto e grazie x avercele mostrate . Buona settimana Laura A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, essere ricoverati non è bello né per i poveri, né per i ricchi, anche se questi ultimi possono permettersi qualche clinica privilegiata. Seguiranno altre foto in qualche prossimo post. Buona settimana.

      Elimina
  3. Bella Arquitectura .
    Gracias por mostranoslo, en este maravilloso Reportaje Fotográfico.

    manolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manolo, grazie della visita e dei complimenti. Cercherò di venirti a trovare al più presto, ma in questo periodo sono preso da molte cose tra le quali una serie di esami in attesa di un'operazione che mi attende il 2 giugno. Buona settimana.

      Elimina
  4. Très intéressant à visiter.
    Bonne semane, Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chère Elisabete, merci pour ton commentaire, et j'espère de te contacter au plus vite. J'ai quelque probléme de santé (pas graves), mais je serai operer le 2 juin. Bises.

      Elimina
  5. Tutto bellissimo, come sempre :) In particolare mi sembrano caratteristicissime (si potrà dire in italiano? ^^) le prime tre foto, i tetti... mai visti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio, io direi che sarebbe meglio dire "molto caratteristiche" ma accetto il tuo nuovo modo di dire (lol). I tetti sono ricoperti da tegole in ardesia colorata e sono in pendita per facilitare l'eliminazione della neve. Non colorate si trovano anche in Germania ed in Austria. Buona settimana.

      Elimina
  6. Wow! Che bella presentazione! Devo proprio farci un bel giretto!
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
  7. Perché no. A tempo debito potrei interessarmi per segnalarti qualche albergo non troppo caro. Buona domenica.

    RispondiElimina