AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

lunedì 19 gennaio 2015

LA BORGOGNA

Il Ducato di Borgogna e la Franca Contea furono definitivamente riunite sotto un unico sovrano nel XV secolo, fino a che la linea dinastica dei Duchi di Borgogna si estinse in linea maschile. Essi erano imparentati con i Re di Francia e durante il XV secolo avevano assunto una grande potenza a seguito diuna serie di acquisizioni matrimoniali o di conquiste tanto da poter creare un regno indipendente, anche se non riuscirono mai a diventare sovrani indipendenti, in quanto rimasti sempre vassalli del Re di Francia o dell'Imperatore. Nel 1477, alla morte di Carlo il Temerario, il territorio del Ducato di Borgogna venne annesso direttamente ai domini reali di Francia, mentra la Franca Contea venne trasferita agli Asburgo. L'architettura borgognona raccolse l'eredità artistica dei luoghi di culto situati nelle vie che conducono i pellegrini a Santiago di Compostela mentre per scultura e pittura si ebbero varie correnti: francesi, italiane, fiamminghe. Sotto Filippo il Buono si creò l'Hôtel-Dieu di Beaune di cui vi parlerò più avanti. Attenzione che Hôtel-Dieu non sta ad indicare un albergo, ma un antico ospedale oggi diventato museo.
Bando alle chiacchere e largo alle foto.

Qui ci troviamo però ancora a Seurre sulla Saona.

Questa è la chiesa principale di Seurre e come si vede dalla prima foto è dedicata a San Martino.


Il campanile visto attraverso le case antistanti





Questa qui sotto è la caserma dei moschettieri del Re. Chissà se ci sono passati ache i famosi quattro moschettieri.



All'ingresso della caserma si trovano due piedistalli situati ciascuno su un lato. Servivano ai moschettieri per montare a cavallo senza faticare.


20 commenti:

  1. Non ci sono mai stata, sembra un posto interessante... Chissà... Buona settimana elio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri, altrettanto a te. Spero di tornarci un giorno con un tempo migliore perché pioveva a dirotto quel giorno.

      Elimina
  2. Un posto molto bello caro Elio, meriterebbe visitare, ma è solo un sogno.
    Ciao e buon pomeriggio caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché Tomaso? Alle volte i sogni si avverano. Se fosse il caso, fammi un fischio che ci ritroviamo in Borgogna. Non c'è il prosecco, ma i "rossi" non sono male, anzi direi buoni. Inoltre a Digione si può comperare la rinomata senape che in francese si chiama "moutarde", ma non ha niente a che vedere con la nostra veneta mostarda. Buona notte.

      Elimina
  3. Une église avec beaucoup d'Histoire.
    Bonne journée

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Elisabet, ma vedrai nei prossimi post che la storia non finisce qui. Boa noite.

      Elimina
  4. Che belle queste foto, sono luoghi di grande fascino storico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, Ambra, hai ragione, ma non solo in Francia. In tutto il mondo (purtroppo ormai non iuscirò a vederlo tutto) ci sono posti che ci affascinano per un motivo o per l'altro. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  5. Ma tu sei sempre a spasso? ciaooo Elio..un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, non è che mia moglie ed io siamo sempre a spasso. Ci muoviamo di tanto in tanto e poi io mi conservo le foto per i post. Inoltre quando pubblico qualcosa sulle passeggiate in montagna, bisogna considerare che sono a portata di macchina da dove abitiamo. Ricamio l'abbraccio e buona notte.

      Elimina
  6. Ma sicuramente i Moschettieri sono passati di lì....lasciamelo credere , e tu dimmi che ho ragione !
    Carla ha ragione , anche se dici che hai gli acciacchi , tu e la tua Metà gironzolate ben bene.
    Vi auguro di poterlo fare a lungo così noi ci godiamo le tue foto
    Ti abbracciano tutte , e io ? anche. Laura A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Laura, non hai visto l'impronta del piede di D'Artagnan? (lol). Posso dirti che anch'io mi godo i differenti blog dei miei amici follower. Ricambio l'universale abbraccio.

      Elimina
  7. Belle le foto e anche la lezione di storia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maurizio, ma la lezione non è finita. Alla prossima puntata. Buona serata.

      Elimina
  8. Grazie Elio, le tue lezioni di storia e le tue foto sono sempre interessanti
    ciao buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziano. Buon fine settimana ed a presto.

      Elimina
  9. grazie delle belle immagini della borgogna

    RispondiElimina
  10. interessante, ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  11. Elio ....eres como un guía turístico mostrando todas estas bellezas

    ¡¡¡ Gracias por compartirlas .... saludos desde Argentinaaaa !!!!

    RispondiElimina