AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

sabato 17 gennaio 2015

I DOGI DI VENEZIA

Passiamo al secondo doge: Marcello Tegalliano (717 - 726)




Di questo doge si sa poco o nulla. Si ritiene sia lo stesso magister militum che firmò assieme a Paoluccio il trattato con il re dei Longobardi (Liutprando) - vedere post precedente.
Andrea Dandolo nella sua Chronica lo definisce "Uomo abbastanza utile". Sembra si sia intromesso in una contesa sul culto delle sacre immagini, sorta tra i patriarchi di Aquileia e di Grado, parteggiando per quest'ultimo che avrebbe poi ottenuto ragione anche dal Papa Gregorio II. Il cognome Tegalliano gli venne assegnato in seguito, attribuendogli anche l'appartenenza alle famiglie dei Fonicalli o dei Marcello. Anche lui morì ad Eraclea. Resta il fatto che, verso l'inizio del secolo VIII, si cominciò ad usare il titolo di dux (duca ed in veneziano Doge). L'inizio di un lungo gomitolo che si dipanerà nella storia futura della Repubblica Veneta.

MODI DI DIRE

Sior Momoleto dele vogie
(Il signor Momoleto dalle voglie)

Non si sa bene chi fosse questo signor Momoleto, ma probabilmente è un nome preso a caso. Si dice di una persona sempre insoddisfatta e piena di desideri continui. Lo si dice anche ai bambini, come una presa in giro, quando pretendono troppe cose.

12 commenti:

  1. Troppo bello questo Sior Momoleto. Ma bisogna notare come perde in arguzia passare il detto dal veneto all'italiano!
    E' affascinante la storia della Repubblica Veneta, un lungo, grandissimo periodo storico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra, prima di tutto grazie delle tue continue visite. La traduzione in italiano la faccio in modo particolare per chi usa il traduttore perché penso che quello di Google impazzisca per capire il veneziano (lol). Progredendo nei vari Dogi, la storia si intensificherà. Buona serata domenicale.

      Elimina
  2. Ecco .. un termine che a volte mi darei .. a volte son proprio così purtroppo .. sempre interessanti i tuoi post!
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza, dai, che ci si può sempre correggere. Alla mia età, esprimo un desiderio ogni qualche mese. L'ultimo è un paio di occhiali alla mia vista per correre in bicicletta. Se tutto va bene, a fine mese lo esaudisco. Un caro saluto.

      Elimina
  3. sempre molto belli i tuoi post ci fai scoprire tante novità.

    RispondiElimina
  4. Il avait un joli chapeau, Marcello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alain, è soltanto dopo molti anni che i dogi hanno adottato un cappello uguale per tutti. Ci arriveremo prima o dopo.

      Elimina
  5. Sempre interessanti i tuoi post ,si impara Storia e Geografia . Se non si hanno troppe pretese , i
    nostri desideri si esaudiscono. Felice è colui che si accontenta di quello che ha . ( anche se ,dico io ,
    una moderata ambizione non guasta. ) Laura A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, ma c'è anche il detto: "Meglio un uovo oggi che una gallina domani" come incitazione ad accontentarsi di quello che si ha. Buona settimana.

      Elimina
  6. Grazie per tutte queste info. Buona nuova settimana.

    RispondiElimina