AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

lunedì 21 luglio 2014

LATTES - CONTINUA LA SFILATA DELLE MASCHERE

Seconda puntata della "Settimana italiana" a Lattes (vicino Montpellier). La festa si svolgeva in un quartiere chiamato Port Ariane dotato appunto di un porticciolo (per velieri e motoscafi) dal quale si raggiunge, via il fiume Lez, il mare aperto.
Quel giorno era stato creato anche un piccolo mercatino con stand di ditte italiane (in modo particolare gastronomiche) ed ho potuto così comperare prodotti che abitualmente non trovo nei supermercati.
La compagnia teatrale, "Les Têtes de Bois", ha poi presentato un'opera di Dario Fo': Isabella, tre caravelle ed un cacciaballe.
A Lattes vive una forte comunità di italiani od oriundi italiani che hanno accolto con piacere la manifestazione.
Ed ora altre foto delle maschere presenti sui moli.









12 commenti:

  1. Le maschere di Venezia affascinano sempre!!!
    Con i suoi colori e la loro fantasia.
    Ciao e buona giornata caro Elio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, si vede proprio che quando non vai a vedere gli altri blog, poi vengono a trovarti solo i "vecchi" (lol) amici. Grazie della visita ed appena posso vengo a trovarti. Buona serata.

      Elimina
  2. Bellissime ed uniche. Ciaoooe buona estate!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika, buona estate anche a te.

      Elimina
  3. La prima e la seconda foto... colori stupendi!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te, anche se ormai ci si sbizarrisce con maschere che non hanno niente a che fare con quelle originali utilizzate al tempo della Repubblica Veneta.

      Elimina
  4. Ci sono delle maschere che sono dei veri capolavori di bellezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che le sarte dell'associazione sono veramente valide e ci lavorano sopra tutto l'anno per essere pronte in febbraio per il Carnevale di Venezia. Ciao Ambra.

      Elimina
  5. Le maschere veneziane sempre belle e fantasiose.
    Però sono d'accordo con te, non ci sono più riferimenti alle origini ed a volte sono eccessive.
    Bacissimi, ciao Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pia, sono contento che tu sia d'accordo con me. Ce n'era una sola (che pubblicherò più avanti) che ha un esatto riferimento alle origini, ma in ogni caso dobbiamo ammirare il grande lavoro che c'è dietro la fabbricazione di questi costumi. Un abbraccio.

      Elimina
  6. Mi piacciono tantissimo queste maschere! davvero dei capolavori alcune, affascinanti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio, ne ho ancora una cinquantina a disposizione. Buona serata.

      Elimina