AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

sabato 14 giugno 2014

VENEZIA - CAMBIAMO DI ISOLA

Lasciamo Torcello e ci portiamo con il motoscafo a Burano. Come saprete la caratteristica di quest'isola è di avere l'esterno delle abitazioni di colori diversi e molto forti. Sembra che fossero i pescatori buranelli a decidere questa particolarità al fine di riconoscere la loro casa sin dalla laguna. Oggi, ritengo, si tratti più di una questione turistica, visto che in laguna non si pesca più niente. Burano, inoltre, è la patria del merletto a tombolo. Una volta ad ogni porta c'era una persona che faceva un merletto, ma oggi bisogna andare al Museo per vederne di veramente "fatti a mano".










MODI DI DIRE

Torséla in dolse
(Pronunciare "Torséa" e la S di dolse è tenera e quindi quasi una C)
Tratto da "Ciò, zibaldone veneziano"

Filarsela senza farsi vedere dagli altri

22 commenti:

  1. Le foto raccontano,da sole.certo mancano le ricamatrici di tombolo e merletti davanti alle porte,ma non solo qui il mondo è cambiato:le case però sanno comunque di vita,laboriosa,un po riservata.
    Ti sei preso un impegno importante per la traduzione,ma è importante anche la causa che porti avanti con convinzione.Buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Chicchina, i buranelli sono molto riservati e grandi lavoratori. Ti ringrazio per la comprensione dimostrata nei miei confronti. E' un lavoro veramente impegnativo ed al momento ho tradotto solo 40 pagine. In ogni caso non sono sottoposto a pressioni per finirlo e quindi ogni tanto lo lascerò da parte per venirvi a trovare. Buona domenica.

      Elimina
  2. Ciao Elio, le foto sono come coloratissime opere d'arte
    I merletti son spariti perché la Cina e arrivata anche a Burano e i turisti ci cascano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si diceva una volta? "La Cina è vicina" ed è ormai proprio così. Comunque si nota sempre una enorme differenza fra i merletti fatti a mano e quelli a macchina. Buona domenica.

      Elimina
    2. La Cina è vicina! E non solo a Burano!!!

      Elimina
    3. Certo Sergio, anche in Via Garibaldi ed in Via Capuccina a Mestre. Un caro saluto canoro.

      Elimina
  3. Grazie Elio per questa gita a Burano.Ciao a presto Olgica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Olga e buona domenica.

      Elimina
  4. Caro Elio, che bello portaci nell'isola delle case colorate.
    Burano ha una storia che le danne sono state costrette a pitturare le case perché i loro uomini non sbagliassero casa quando tornavano alla notte un po sbronzi, se non sbaglio così dicevano.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Tomaso, in realtà sono stati gli uomini a dipingere le case di colori differenti per riconoscere la propria al rientro dalla pesca. Ti garantisco che dopo una notte di lavoro erano affaticati, ma non sbronzi. Inoltre, come ho già detto, oggi, in laguna, non si fa più della pesca industriale perché non renderebbe niente. Ancora qualcuno ci va con la canna da pesca, per passione più che altro. Buona domenica.

      Elimina
  5. Ciao Elio, che bello questo gesto di raggiungere con la vista la propria casa ancor prima di esserci arrivati, mi piace tanto!
    Buona domenica, un abbraccio e buona traduzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacerebbe anche a me dipingere le facciate della mia casa in un bel rosso veneziano, ma il regolamento della coproprietà orrizontale lo impedisce e quindi devo tenermi il colore beige chiaro attuale. Ciao Sciarada, grazie della visita e buona domenica.

      Elimina
  6. J'ai beaucoup aimé la 2ème et la dernière photo.
    Bon dimanche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabete, spero ti piaceranno anche quelle di domenica prossima. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  7. ¡Hola, Elio!!!

    Nos dejas un precioso post, me trae buenos recuerdo, estuve hace 9 años ahí recorriendo el gran canal y los pequeños por dentro de la ciudad. ¡Venecia es mucha Venecia! Es una de las maravillas de mundo. También estuve en el museo de Murano, allí compré unos regalos de ensueño para mis hijos.

    Gracias por este regalo para los sentidos.
    Un beso y feliz domingo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo nove anni è tempo di ritornarci Marina. Se lo decidi ti posso dare qualche buon indirizzo. Tra qualche settimana saremo a Murano che spero rivedrai con piacere. Ricambio il bacio e buona settimana.

      Elimina
  8. Sarebbe bello non perdere certe tradizioni come quella di Burano...
    Foto splendide...

    Ciao Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pino, non so quando potrò contraccambiare la visita. Avrai visto il nuovo gadget messo in lenea. Sappi però che non ti abbandonerò. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  9. Sembra un posto delizioso...spero di andarci prima o poi! Buon lavoro con la traduzione!! :)
    Ciaoooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irene, grazie per l'augurio e per l'apprezzamento di Burano. Pensa nel 2007 ho accompagnato una famiglia di amici a Venezia e, la figlia, si è innamorata di Burano e voleva viverci. Poi, naturalmente, la vita ha deciso altrimenti. Ricambio il "ciaoooo" e spero di venire a trovarti presto.

      Elimina
  10. Mi è piaciuta tantissimo e ho fatto una marea di foto. Con tutti quei colori non potevo resistere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinto anch'io che non si può resistere. Malgrado tutte le volte che ci sono stato, trovo sempre qualche novità da fotografare. Ciao Cri ed a presto.

      Elimina