AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

giovedì 27 febbraio 2014

SEMPRE A VENEZIA

Ci troviamo nella zona dell'Arsenale e del canale che lo costeggia. All'entrata abbiamo un arco di trionfo surmontato da un leone alato e dinnanzi alla stessa ci sono quattro leoni allineati. Il più grande, a sinistra guardando l'ingresso, conserva tracce di iscrizioni runiche e fu portato a Venezia da Francesco Morosini, come trofeo di guerra, nel 1692. Si trovava davanti al porto del Pireo.
Bisogna sapere che, malgrado i diversi incendi subiti dall'Arsenale, i veneziani vi fabbricarono tutta la flotta che sconfisse i turchi a Lepanto. A proposito di questa battaglia navale bisogna ricordare che i veneziani ebbero un'idea geniale. Misero prima delle galere una flotta di "peate" (barche da trasporto) con dei cannoni (celati) da una parte e dall'altra di questo tipo d'imbarcazione. Non si sa se gli avversari si siano messi a ridere, ma caddero in ogni caso nella trappola. Si insinuarono per andare contro le galere e si trovarono presi in mezzo al fuoco dei cannoni. Metà della flotta turca fu distrutta e le restanti navi preferirono abbandonare la partita.
Non mi resta altro che pubblicare le foto.


Partiamo da quello che si trova sui muri

Una meridiana



Un orologio


Il leone alato simbolo di Venezia con il libro (segno di pace) dove è incisa la frase "Pax tibi Marce, Evangelista meus"



Vista d'insieme dell'ingresso con a sinistra il leone di cui ho parlato nell'introduzione


Non c'è più rispetto neanche per i grandi leoni 


Chissà se loro si sentono piccoli


 E questo è il canale sulla sinisttra dell'Arsenale


MODI DI DIRE
Aqua dei ànzoli
(Acqua degli angeli)

In questo modo era sovente chiamata la pipì dei bambini al contrario di quella degli adulti che si definiva "pisso" (piscia).
A proposito, niente a che vedere con Venezia, lo sapete che, a Pompei, ai tempi dei romani, esistevano le pulilampo, dette ora pressing? I "fullones" passavano ogni mattina a ritirare per le case la pipì notturna e con essa lavavano la biancheria, le vesti e le tuniche affidate loro. Il bianco diventava "così bianco che più bianco non si può" (Vi ricorda qualcosa?). In ogni caso spero si procedesse ad abbondanti risciacqui.

37 commenti:

  1. Elio, complimenti ! i tuoi reportage e le tue foto, migliorano di volta in volta... quell'orologio li è stupendo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie per il complimento e spero di migliorare sempre di più. Orologi e meridiane ce ne sono molti/e in Venezia. Buona serata.

    RispondiElimina
  3. Nel mio girovagare per la bella Venezia ho visto proprio questi leoni, ma non avevo idea della storia curiosa che celavano, grazie per avermi dato anche oggi un pò di conoscenza :-).
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susanna, sono contento che ti piacciano le cose che rivelo. E' vero che ciascuno di noi potrebbe andarle a trovare su Internet, ma quello che io scrivo l'ho imparato da mia madre e mio padre. Buona serata.

      Elimina
  4. Caro Elio, le tue passeggiate per la mitiga Venezia ci coinvolge profondamente!!!
    Per noi ti posso garantire non ci stancheremo mai di passeggiare con te.
    Buon pomeriggio coro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso e spriamo di continuare a camminare insieme ancora per molto tempo. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  5. Αγαπητέ μου Elio
    Με τις υπέροχες φωτογραφίες και με τις πληροφορίες σου, γνωρίζω πολύ καλύτερα την Βενετία!
    Είναι υπέροχη η πατρίδα σου!
    Πολλά φιλιά

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Magda, in Venezia io ho abitato due case, una verso Rialto e l'altra verso Piazzale Roma, ma, come tu dici, Venezia era la mia casa. Buona serata.

      Elimina
  6. Una arquitectura única y repleta de historia.
    Bellísimas fotografías Elio, te dejo un gran abrazo.
    Feliz jueves!

    http://sombriabelleza.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cris, ricambio sinceramente l'abbraccio. Buona serata.

      Elimina
  7. São detalhes que sempre nos contam histórias... muito bom!

    Espero que esteja melhor e mais animado.
    Beijo e uma flor.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teca, sto effettivamente meglio, ma ancora un po' debole quindi lunedì ho fatto solo 40 km in bici ed oggi 30 km. Appena torno in forma riparto alla lunga. Accetto con piacere il bacio ed il fiore.

      Elimina
  8. Ciao Elio! Grazie della passeggiata!
    Le tue foto sono originali e sanno raccontare...non tutti ci riescono!
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento, Cristina. Comunque ci sono molti altri che riescono meglio di me, ma conto di allenarmi per superarli. Ciao.

      Elimina
  9. Je ne connaissais pas cet usage du pipi ! En français, on parle de pipi d'ange pour celui des touts petits enfants.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alain, "bambini" = petits enfants", donc la même chose en France et en Italie. peut-être qu'en France aussi existaient les "pressing" à ce temps là. Bye.

      Elimina
  10. Spero di andare presto a Venezia.Ciaoooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti ho già detto molte volte, se ci vai, fammi un fischio che ti dò delle dritte. Grazie della visita ed alla prossima.

      Elimina
  11. quella di Lepanto è stata una battaglia veramente epica Elio; peraltro, accanto ai vessilli della Serenissima sventolavano anche quelli della Madonna, Stella maris, tant'è che le sorti dello scontro furono decise da un improvviso cambio di direzione del vento!!!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo Luigi, ma io volevo dare risalto alla furbizia dei Veneziani. Secondo me i vessilli della Madonna erano lì perché si trattava di una crociata che poi il Morosini ha fatto girare solo a favore della sua città. Buon WE anche a te.

      Elimina
  12. Molto molto interessante questo post, hai descritto un sacco di cose che non conoscevo. Ciao buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico, mi fa piacere quandi riesco a passare qualche fatto o aneddoto interessante per i miei amici. Buon WE.

      Elimina
  13. Wow, Venezia tiene tantas coas lindas.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Boris, spero di poterne mostare ancora molte. Buon fine settimana.

      Elimina
  14. Caro Elio, sempre bella Venezia e le tue foto. Se passi da me ho risposto che sei un grande sportivo.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo subito e grazie per il commento.

      Elimina
  15. Hola amigo, Elio. Me ha encantado esta entrada, no solo por las magníficas fotografías, sino también por las dos interesantes historias que nos cuentas, la de Lepanto conocía algo, pero la de los "lavanderos y el pis" no lo había escuchado jamás. Por eso te agradezco mucho que lo hayas contado.
    Un fuerte abrazo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuel, sono contento che le foto e le due storie ti siano piaciute, anche se, penso di aver capito, che per la battaglia di Lepanto la conoscevi già. Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  16. J'ai surtout aimé la photo de l'horloge.
    Amicalement

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei la sola, piace anche a me, ma mi piace anche quella dei piccioni sulla testa del leone.
      Bises.

      Elimina
  17. ciao Elio, grazie bellissime immagini, complimenti, sempre piacevoli da ammirare , il modo di dire e' simpatico, un po' meno il fatto del lavaggio , spero davvero che li abbiano risciaquati bene, dopo i panni, una volta si arrangiavano come potevano, ho letto che si sciaquavano la faccia anche al mattino ahahah con la stessa cosa, mah...ciao grazie buon week end a presto rosa.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto la tua variante sono contento di non essere nato a quei tempi. Comunque è vero il potere sbiancante. Per pulire una moneta puoi metterla sotto urina o sotto Coca Cola, ma in quest'ultimo caso bisogna toglierla dopo qualche giorno, altrimenti si consuma troppo. Ciao e buona domenica.

      Elimina
  18. Sicuramente prima di un viaggio a Venezia conviene passare nel tuo blog.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci vai, fammi un fischio, che ti mando delle dritte. Buona serata domenicale.

      Elimina
  19. Mi piace conoscere Venezia in dettaglio come tu la descrivi! Belle foto, troppo. Grazie, Elio, e abbracci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patzy, grazie per i complimenti, troppo buona! Ricambio gli abbracci.

      Elimina
  20. Caro Elio, per una visita ben fatta a Venezia bisogna stampare i tuoi post, bellissimi!
    Ah si a Pompei abbiamo notato gli "appositi raccoglitori"...
    Buona giornata!

    RispondiElimina