AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

venerdì 19 luglio 2013

VENEZIA - CAFFE' FLORIAN

Prima di andare a visitare la Torre dell'orologio, che sarà oggetto dei prossimi post, ci siamo recati a bere un caffé al "Café Florian" (lascio a voi il piacere di scoprire il relativo costo).
Il caffé Florian è il più vecchio e famoso caffé della Piazza San Marco, aperto nel 1720 da Floriano Francesconi il quale, all'inizio, l'aveva battezzato  "Venezia Trionfante", ma presto i veneziani lo chiamarono "Café Florian" dal nome del proprietario. Scrivo "café" e non "Caffé", perché, come detto in diverse occasioni, le doppie in lingua veneziana (notare che non ho detto dialetto) non esistono.
All'interno il locale è diviso in sei piccole sale battezzate con differenti nomi:
- Sala dei grandi uomini
- Sala delle stagioni o degli specchi
- Sala del Senato
- Sala "Liberty"
- Sala orientale
- Sala cinese
Vi garantisco che sono una più bella dell'altra.
All'aperto, dinanzi l'entrata, si esibisce un'orchestrina, come, del resto, negli altri caffé che donano sulla Piazza e sulla Piazzetta.
 
E passiamo alle foto:
 
L'entrata
 
 

La sala dove ci siamo bevuti un caffé, riservandoci di farlo nei prossimi anni, cambiando sala

 

 

41 commenti:

  1. Ciao Elio, vedendo gli interni posso immaginare cosa costi un cafe', stupendo, non ho parole, sono incantata, e' un fiore all'occhiello di Venezia, ciao grazie buon week end a presto rosa.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maglia rosa e maglia gialla ancora una volta. Grazie Rosa, per i caffé, mi è andata bene perché sono i miei amici che me lo hanno offerto (lol).
      Buon WE.

      Elimina
    2. La mia cognizione di maglie finisce qui, lascio a te poi il proseguo dei colori ,))
      meglio ancora se te l'hanno offerto, ciao grazie, a presto , buon week end anche a te.

      Elimina
    3. Grazie Rosa ed ancora buon fine settimana.

      Elimina
  2. Bellissimo il Florian, io ci ero stata una sera durante un week end passato a Venezia (che adoro). Era fine ottobre, una leggera nebbiolina avvolgeva la piazza e come sempre davanti al caffè c'era l'orchestrina che suonava. E' uno dei più bei ricordi che ho di Venezia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento di averti ricordato dei bei momenti. Buon fine settimana.

      Elimina
  3. Ci sono stata Elio, per un cappuccino ho dovuto fare il mutuo, ma ne è valsa la pena!
    Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dony, spero fosse un mutuo aa interesse molto basso. Buon WE anche a te.

      Elimina
  4. Sì hai ragione Rosa...ma fidati...ha tutto un altro gusto!...vero Elio?!
    Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Pino, sono costretti ad utilizzare delle buone miscele, altrimenti perdono il loro alone di primo caffé creato in Italia. Tra l'altro è stato anche il primo a servire la cioccolata calda, che a quel tempo era considerata bevanda del diavolo. Buon WE.

      Elimina
    2. Il potere della suggestione, in un ambiente cosi' tutto risulta gradevole e piacevole, e' come entrare in un'altra epoca,affascinate... ciao a tutti buona serata rosa.)

      Elimina
    3. Sono d'accordo con te. Dimenticavo di dire che il personale è molto competente e gentile.

      Elimina
  5. Ciao Elio, ma è un ambiente stupendo, .......ma solo da guardare ???????? È solo per i Siori???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, non è poi che ci si rovini, vale la pena di passarci un po' di tempo. Un caffé viene sui 5 euro, quando negli altri bar si accontentano di 1 euro o poco più. Ma questo vale per tutti i bar con orchestrina che danno sulla Piazza San Marco. Buon WE.

      Elimina
  6. Che bello Elio... potrei andare a fotografare qualche vecchio Bar di Trieste.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché no. So che anche a Trieste ci sono dei bei vecchi bar che erano frequentati dagli austriaci. Il bar dove questi ultimi si ritrovavano a Venezia è il "Quadri", giusto di fronte al Florian. Buon WE anche a te.

      Elimina
  7. Uno dei più famosi al mondo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Cavaliere e tutti pensano di andarci a passare un po' di tempo. Ciao.

      Elimina
  8. Che bel posto! Se capito da quelle parti, voglio andarci assolutamente!
    Dopo un po' di pausa, sono tornata con un giochino. Passa, se ti fa piacere! :)
    Un caro saluto
    Ire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Irene vengo a vedere di cosa si tratta, ma se decidi di andare a Venezia, dimmelo, che ti dò delle dritte. Contraccambio il saluto.

      Elimina
  9. nous aussi.. nous avons bu ce café cher... pour faire des photos de l'intérieur et de les envoyer à notre fils, florian... bises

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una ammiratrice di Venezia era quasi logico chiamare Florian il proprio figlio. Ottima decisione di inviargli le foto dell'interno. Contraccambio "les bises".

      Elimina
  10. Risposte
    1. Grazie Robby, altrettanto a te e famiglia, Hay Lin compresa.

      Elimina
  11. non ho parole...veramente molto chic e come ha scritto rosa sembra di entrare in un'altra epoca!! :)
    ciao elio, felice weekend ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando è stato aperto era veramente un'altra epoca. Normalmente era frequentato dai Veneziani che volevano cacciare gli Austriaci i quali si riunivano al Quadri, di fronte al Florian. Buon WE anche a te.

      Elimina
  12. Buenos días Elio, precioso reportaje el que nos ofreces, exquisitez en tu fotos un abrazo y feliz fin de semana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias Miguel per i complimenti e felice WE anche a te.

      Elimina
  13. Lo ricordo Elio, e come si può dimenticare uno dei simboli della bella Venezia..
    Era la passione del mio papà che passava delle ore a sorseggiare il suo frappè condito con le note argentine dell'orchestra..
    Qaunto tempo è passato?
    E chi lo ricorda?
    Un abbraccio forte mio caro ...::))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, probabilmente tuo padre ha ascoltato un amico del mio che suonava il pianoforte, od un mio amico che, un po' piu tardi, si è seduto sullo stesso sgabello. Di tempo ne è passato perché, nel primo caso si tratta degli anni 50 e nel secondo degli anni 80. Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  14. Questi caffè tradizionali, oltre ad essere belli, nascondono sempre grandi storie dietro di sé. É molto interessante questo contenuto, Elio, cosí quelli che non conoscano questi posti, potranno sapere della loro esistenza! Grande abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patzy, certo che di questi caffé ce ne sono in diverse città, ma; il Florian, resta nella memoria di tutti quelli che ci sono passati. Un abbraccio anche da parte mia.

      Elimina
  15. Risposte
    1. Sono d'accordo sul "mito", anche se nel Veneto ce ne sono altri, come, tanto per non citarlo, il "Pedrocchi" a Padova. Penso che ce ne siano anche nella tua amata Liguria e mi piacerebbe avere delle notizie da parte tua, nel caso mi trovassi da quelle parti. Grazie in anticipo.

      Elimina
  16. Ciao Elio,
    come sempre quelle che pubblichi sono chicche che andrebbero segnalate alla Pro Loco, come per dire: "Guardate i figli di Venezia, che nonostante vivano lontano, fanno pubblicità e danno lustro alla loro terra natia!" Io credo, francamente ( al di là di qualunque piaggeria) che nessuna guida potrebbe incuriosire tanto il turista, come fanno i tuoi post.
    C'è un ché di vetusto nelle cose che hai immortalato e fanno da contrappunto a una città che è bella proprio perché è vissuta ed un po "decadente".
    Un caro abbraccio.

    P.S.
    Adesso che l'Angolo ha riaperto, spero di vederti più spesso ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne dubiti? E' un piacere, anche senza commentare, andare a letto con le vostre facezie o con quelle serie. Dal tuo commento prendo il termine "vetusto" e ti dico che hai ragione perché molte cose in Venezia hanno diritto a questa parola. Da tempo si migliorano i siti turistici e si lasciano perdere gli angoli più belli dove accompagno normalmente i mie amici. Contraccambio l'abbraccio.

      Elimina
  17. Grazie della visita e dei commenti.Buon fine settimana anche a te!Olga

    RispondiElimina
  18. Buongiorno Elio! sono di ritorno di Venessia: una bella esperienza ancora!!!!
    Baci di Nizza
    Martina di sclos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che tutto si sia passato bene e ver} presto a vedere le nuove foto che avrai scattato. Buona settimana.

      Elimina