AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

venerdì 18 gennaio 2013

ULTIMA TAPPA A VENEZIA CENTRO STORICO

Queste sono le ultime immagini di Venezia centro storico e, dal prossimo post, passeremo alle isole della laguna.

Come prima foto vi propongo l'ingresso della Fondazione Peggy Guggenheim, sicuramente un luogo da visitare, tempo permettendo.



Ed ora due immagini del Campiello Barbaro, uno dei più fotografati e riprodotti su quadro, dei vari campielli veneziani




Nel campiello c'era questo musicista (vi garantisco che suonava molto bene) e non ho resisitito alla tentazione di restare almeno 15 minuti ad ascoltare le musiche barocche da lui riprodotte. Naturalmente ho poi saputo ricompensare la sua bella prestazione. La giornata finiva in bellezza.



MODI DI DIRE

Te go portà ... un cincinbon col manego de oton
[Ti ho portato un cincinbon (intraducibile) con il manico di ottone]

Si tratta di un modo di prendere in giro, da parte dei genitori, i bambini che chiedono ad ogni momento " Cossa ti me ga portà?" (Cosa mi hai portato?). In ogni caso poi usciva qualcosa dalle tasche o dalle borse.

29 commenti:

  1. la porte du musée guggenheim était malheureusement fermé... nous avons une raison pour visiter venise..encore et encore...

    RispondiElimina
  2. Ciao Elfi, questa volta hai bruciato tutti sul traguardo. Grazie per la tua assiduità a venire sul mio blog ed hai perfettamente ragione. Purtroppo quel giorno ero di fretta, ma spero di rifarmi ad aprile prossimo. Bises.

    RispondiElimina
  3. Mais umas lindas fotos de Veneza!
    Bom fim de semana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabete, i tuoi complimenti fanno sempre piacere. Buon WE anche a te.

      Elimina
  4. Venezia caro Elio non invecchia mai!!!
    Belle le foto.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credere Tomaso, invecchia anche lei, non solo io e te, oltre a molti altri. Buon fine settimana.

      Elimina
  5. ho visitato guggenheim tanti anni fa
    era un super grande piacere
    una buona serata !

    RispondiElimina
  6. Ciao Anni, è sempre un piacere visitare questo museo, ma quel giorno non ho potuto farlo.
    Buon WE.

    RispondiElimina
  7. Ciao Elio grazie delle suggestive foto, un po' di musica barocca non guasta anzi contribuisce a ricreare l'atmosfera dei tempi andati, sono sempre simpaticissimi i modi di dire, grazie buon week end rosa.)9

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa, mi hai dato un'idea. La prossima volta che pubblico una foto del genere, potrei accompagnarla con della musica barocca. Renderebbe molto di più l'atmosfera. Buona serata e buona domenica.

      Elimina
  8. ciao elio felice anno nuovo a te e tutta la tua famiglia!!

    le foto come sempre sono davvero stupende, complimenti!!
    ciao felice weekend :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente l'augurio è contraccambiato. Grazie per il complimento, ma le prossime foto su Venezia, saranno un po' meno belle perché fatte con il telefonino e quindi non potrò pubblicarle in formato extra-largo.
      Spero saranno ugualmente apprezzate. Buona serata e buona domenica.

      Elimina
  9. Un mucisien qui ne recherche pas la foule.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alain, da quelle parti passano molte persone e, in particolare, quelli che hanno i soldini in tasca.

      Elimina
  10. Che bella gita ci hai fatto fare caro Elio, te ne sono grata..con un finale strabiliante di musica barocca e proverbio veneto...
    Una standing ovation tutta per te!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura una standing ovation, grazie Nella, anche per l'approvazione del modo di dire. Buona domenica.

      Elimina
  11. questi bellissimi angoli di venezia non li ho mai visti...eppure ci sono stata già diverse volte. ed anche sfuggendo alla calca degli itinerari classici consueti dove scorre sempre una fiumana di gente, verso piazza san marco... se poi mi dici di che zona si tratta potrei cercare di passarci la prossima volta, mi riprometto di andare a visitare la biennale quest'anno... mi piacerebbe anche molto andare sull'isola dove si trova il cimitero ebraico, celebrato in quel bel libro di bassani...un posto dove si trovarono a passeggiare i genitori o i nonni dei Finzi-Contini..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Nella (una dopo l'altra a quanto sembra). Le foto sono fatte nei pressi del Museo citato e si trova facilmente andando verso la Punta della Dogana, partendo dal Ponte dell'Accademia e traversando San Vio.
      Il cimitero ebraico si trova al Lido di Venezia, ma c'è un settore anche in quello dell'Isola di San Michele. Ora non so in quale dei due si situi il libro che citi. Vengo a trovarti al più presto e buona domenica.

      Elimina
  12. on rencontre souvent ce musicien dans des lieux divers et il est vraiment très agréable de l'écouter ! bon dimanche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi potuto sarei rilmasto lì fino a sera ma, mia madre e mio fratello mi attendevano a Mestre. Bonne dimanche.

      Elimina
  13. Como siempre un placer disfrutar de vuestros paseos, me impresionó el instrumento músical, ya que no creo nunca haberlo visto! Elio en mi humilde casita hay un premio para usted. Saludos desde Argentina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Teresita, lo strumento è un liuto speciale con doppia serie di corde per poter donare delle sonorità diverse. Buona domenica.

      Elimina
    2. Appena posso, vengo a prendermi il premio. Grazie in anticipo per avermelo concesso.

      Elimina
  14. Il Campiello Barbaro è veramente splendido,lo ricordo,bello lo strumento del suonatore,lo conosco ma non ricordo il nome...boh!
    Ciao Elio,buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franz, come ho detto a commento della foto, oltre ad essere il più fotografato è anche il più amato dai pittori. La prossima volta potresti andarci con pennelli, colori e cavalletto.
      Come ho detto a Teresita, secondo me, si tratta di un liuto a doppia serie di corde. Ne ho visto anche in Marocco, dove però il liuto prende il nome di "Oud". Ciao e buon finale di domenica.

      Elimina
  15. Noto con soddisfazione che hai in serbo ancora tante immagini della bella Venezia, ancorché di altre isole. Invero, qualcosa avevo letto della Fondazione Peggy Guggenheim...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriano, purtroppo sono quasi finite e non credo di arrivare ad aprile, mese in cui sarò ancora nella mia città. Spero che tutti voi avrete pazienza nei miei riguardi. Buona notte.

      Elimina
  16. Recantos menos conhecidos do público estranho a Veneza; eu, um deles.
    Umas belas fotos de presente.
    Parabéns, Amigo.


    Abraços


    SOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sol, grazie per il complimento ed a presto.

      Elimina