AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

sabato 29 dicembre 2012

ANCORA NELLA SERENISSIMA

Quale modo migliore di chiudere il 2012 con una camminata a Venezia?

BUON ANNO NUOVO A TUTTI VOI

Passato davanti lo squero San Trovaso ho continuato diritto nella fondamenta.
Dall'altra parte del canale si vede la chiesa di San Trovaso ed,  anche in queso caso non ho scattato la fotografia perché già pubblicata nel passato.
Mi sono invece fermato al Cantinone già Schiavi (detto anche "Al Bottegon")per mangiarmi un panino, visto che all'interno di questo snack, oltre che enoteca, ne fanno uno più buono dell'altro.




Per la cronaca è qui dentro che 24 anni fa ho incontrato la "francesina" che oggi è mia moglie.

Ho saltato completamente il settore dell'Accademia e sono ripartito verso San Vio e la foto successiva vi mostra il sottoportico e la calle delle Mende.



In faccia a questo sottoportico, nella fondamenta in cui mi trovavo si trova la Corte Venier dei Leoni. Mi era venuta voglia di fare un quiz per gli amanti di Venezia, ma ci ho rinunciato.



E, come ogni volta, passiamo ai


MODI DI DIRE

Onser le rode del caro
(Ungere le ruote del carro)

Possiamo dire che si trattava dell'antenato delle odierne "mazzette o bustarelle" che, probabilmente, in vista delle prossime elezioni, continueranno ad "ungere".

31 commenti:

  1. Risposte
    1. Ti riferisci alle foto, a Venezia od a me (lol)? Cgrazie della visita, Carla e, naturalmente, Buon Anno anche a te ed alla tua famiglia.

      Elimina
  2. Quando una città la si ama, si riesce a impreziosirne qualunque angolo...in più, Venezia è Venezia !!

    Buon anno nuovo Elio, in compagnia delle due "esse" : salute e serenità !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che io ami la mia città natale, è indubbio. Per gli auguri ti aggiungo una terza "esse" come "soldi". Lo spero per te, perché io non gioco d'azzardo né al lotto e non credo che il governo italiano, qualsiasi esso sia, decida di aumentarmi la pensione. Tanti auguri anche a te e famiglia.

      Elimina
  3. Al Bottegon, mi piace molto ! Buon anno nuovo e tanti auguri Elio !
    Françoise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno o l'altro potremmo incontrarci con in una mano un panino e nell'altra un prosecco. Mia moglie ed io siamo affezionati a questo "bacaro" e dal mio testo si capisce il perché. Tanti auguri anche a te.

      Elimina
  4. Venezia, non solo bella, ma molto bella ti ha anche portato fortuna...facendoti conoscere l'amore, cosa si può voler di più?
    Tanti auguri per un nuovo anno che esaudisca i desideri (che tu sicuramente avrai...i miei sono finiti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana, Venezia mi ha fatto conoscere anche un divorzio, non certo all'amiabile, ma come tu dici mi ha anche fatto conoscere, dopo, un nuovo amore che dura ormai da molti anni. Penso che la nostra vita sia fatta ad onde, ci sono gli alti ed i bassi e poi almeno una volta un tsunami, dal quale in ogni caso ci si riprende. Sono un po' negativo per gli ultimi giorni dell'anno e quindi chiudo con una speranza augurandoti ancora una volta un sereno 2013.

      Elimina
  5. Ciao Elio,
    nel complimentarmi ancora una volta per i tuoi interessanti reportage, ricambio di cuore gli auguri di Buon Anno a te e famiglia.
    A rileggerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio con grande amicizia, Nigel. Ai nuovi contatti del 2013.

      Elimina
  6. Sempre bella Venezia e piena di aneddoti.....mi è rimasta la curiosità sull'indovinello che penso fosse........che ci sta a fare quella testa sul muro?
    Sono curioso di natura:-))
    Tanti auguri Elio,speriamo in un anno nuovo migliore di quello passato!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Frank, avevo precisato che era per chi conosce Venezia. Avrei chiesto, più terra, terra, dove si trovava la testa da me fotografata. Ma la prossima volta che ci passo farò un'indagine presso gli abitanti. Spero non si trati di un decapitato, come la testa del Fornaretto, su un angolo della Chiesa di San Marco. La speranza, come si dice, è sempre l'ultima a morire, ma ci sarebbero troppe teste da cambiare, cominciando da quelle dei finanzieri e da quelle delle Agenzie di Notazione, che non ho mai capito cosa ci stiano a fare intervenendo sulla politica finanziaria dei vari paesi. Altra cosa da cambiare, secondo me è che la BCE e il FMI dovrebbero prestare direttamente ai vari Stati e non alle banche dgli stati che poi interagiscono solo per i propri interessi. Ci sono stati dei casi dove hanno ricevuto il denaro al 0% di interesse e l'hanno riprestato alla BCE al 3%.
      In ogni caso .... Buon Anno Nuovo.

      Elimina
  7. ciao, ho trovato il tuo blog Veneziano molto ben fatto ed ho preso un sacco di spunti per il mio primissimo capodanno a Venezia.
    Purtroppo per motivi di lavoro sarà una toccata e fuga ma cercheremo di visitare quantomeno le cose piu' belle e particolari.
    Ti faccio tanti auguri e mi unisco ai tuoi lettori.
    Se ti va passa da me io tengo un blog di cucina...si dovrà pur mangiare!
    Grazie a presto.
    Susanna
    http://coscinadipollo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel dettaglio ti ho già risposto sul tuo blog che seguirò con interesse. Per Venezia, se ci fossimo conosciuti prima, avrei potuto darti qualche dritta via mail. In ogni caso se torni da me e guardi tutti i post sulla mia città natale, dal gennaio 2012 in poi, troverai due giri che si possono fare in due giorni. Ti consiglio però di munirti di scarpe comode e non di tacchi a spillo. Buon 2013.

      Elimina
  8. Venezia è sempre bella anche il ho bellissimi ricordi anche se non ho potuto sostare per il tempo che avrei voluto, le tue immagini mi portano indietro col tempo.
    Auguro un felice e sereno 2013 a re e famiglia.
    Un caro abbraccio ed alle prossime.
    Ciao
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paolo ed altrettanto a te. Io ci tornerò, probabilmente, nel mese di aprile. Speriamo bene e che il 2013 sia migliore degli anni passati. Con le arie che tirano, però .... Bene, non fasciamoci la testa prima che ce la rompano. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  9. buon anno nuovo Elio!
    Incrociamo le dita affinchè sia migliore!
    lu

    RispondiElimina
  10. Elio, Buon anno e mi raccomando: continua con le foto e i detti veneziani! Li adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti auguri anche a te, Cri. Le foto stanno quasi per finire e non so se arriverò ad aprile, mese in cui sarò a Venezia. Al limite continuerò a pubblicare i "Modi di dire", visto che ho almeno una ammiratrice nella tua persona. Un amichevole abbraccio.

      Elimina
  11. In questi primi festosi minuti del 2013 vorrei condividere virtualmente il mio brindisi con te Clicca qui
    augurandoti un buon Anno Sperando che ci porti tanta fortuna e salute.
    un forte abbraccio.
    Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto Tiziano, tanti auguri anche a te ed arrivederci al 2013. Chissà, forse dovremmo brindare anche alla salute dei discendenti Maya, visto che la previsione dei loro antenati non si è verificata (lol).

      Elimina
  12. Auguri e felice anno nuovo caro Elio!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Livia, come hai notato ho finito virtualmente l'anno nella mia amata città. E, sempre virtualmente, inizierò il 2013 nello stesso modo. Una amichevole abbraccio.

      Elimina
  13. Risposte
    1. Grazie Roby, anche a te, alla tua famiglia e ad Hay Lin.

      Elimina
  14. Risposte
    1. Altrettanto Carmine, auguro che sia un anno di pace e di serenità per tutti, ma ho paura che si tratti quasi di un'utopia visto quello che succede nel mondo. Ma non disperiamo.

      Elimina
  15. Elio....bonito todo lo que publicas, eres un coordinador
    de bellos paseos..

    ¡¡¡ Felìz dìa de Reyes !!!

    un beso desde Argentina

    ( me cuesta entrar a comentarios )

    RispondiElimina
  16. Mitico Cantinone! Amo tutto il sestiere di Dorsoduro, al quale sono, per varie ragioni, affettivamente legata.

    RispondiElimina
  17. Carissimo Elio, questa tua gondola-segnale mi fa impazzire! Ogni volta mi dimentico come posizionarla e mi faccio delle... remate a vuoto sui comandi :) :). Poi, mi accorgo che a comandare è la punta ("el dolfin", mi pare che si chiami), e tutto diventa improvvisamente più facile.
    Belle foto, come sempre ci hai abituato a godere delle "tue" vedute veneziane, ma non ricordo di aver visto immagini di uno "squero" con il vecchio Maestro d'ascia al lavoro... Anzi, una mi pare di averla intravista (San Trovaso), ma il Maestro è ripreso da lontano. Sarebbe bello vederne uno al lavoro, inquadrato da vicino. A tale proposito ho un bellissimo libro sulla gondola, disegnato dall'amico Lele Vianello con i testi di Davide Livieri, che si chiama "Gondola, magia sull'acqua" (Edizioni EditGraf, di Venezia). Oltre alle bellissime illustrazioni, tutte a colori, c'è una interessante storia della gondola e delle sue origini. Quando ti capita di tornare a Venezia, cercalo in qualche libreria perché merita davvero.
    Un caro saluto e a presto. Ah, dimenticavo... ma tu, in Francia, la paghi l'Imu? O siamo noi italiani gli unici fessi?
    Ciao, Francesco

    RispondiElimina