AVVISO AI MIEI VISITATORI


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
QUESTO BLOG NON E' CREATO A SCOPO DI LUCRO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PRECISO INOLTRE CHE CONTATTERO' SOLO VIA BLOG NON DESIDERANDO UTILIZZARE FACEBOOK O TWITTER
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
I MODI DI DIRE, PUBBLICATI IN CALCE AI POST RIGUARDANTI VENEZIA, SONO TRATTI DAL LIBRO "SENSA PELI SU LA LENGUA" DI GIANFRANCO SIEGA - ED. FILIPPI EDITORE VENEZIA O DA "CIO' ZIBALDONE VENEZIANO" DI GIUSEPPE CALO' - CORBO E FIORE EDITORI.
SPERO CHE GLI AUTORI APPREZZINO LA PUBBLICITA' GRATUITA E CHE IO NON SIA OBBLIGATO A SOSPENDERNE LA PUBLICAZIONE.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

I MIEI AMICI LETTORI

martedì 16 ottobre 2012

MAROCCO - MEKNES

Per il momento lasciamo perdere i ricordi d'infanzia,  anche se, grazie a mio fratello potrò ritornaci sopra.

Non so se vi ricordate ancora che di tanto in tanto vi porto in Marocco e quindi ho deciso di risvegliare le memorie.
Ci trovavamo a Meknes e con questo post chiudo la parentesi di questa meravigliosa città.


LA MEDINA. Naturalmente non si poteva scappare alle varie boutique di oggetti artigianali





Il negozio di tappeti















Quello del rame battuto


















La conceria, quando entrate vi danno un rametto di rosmarino da mettere sotto il naso. Inutile spiegare il perché.






La filatura
















Mi dispiace dirlo, ma non fidatevi degli oggetti venduti perché sono fabbricati solo per i turisti e quindi, per chiudere, ecco un vassoio, fatto da un artigiano di piena fiducia circa 80 anni fà. Non ero ancora nato ed è una eredità ricevuta da mio suocero. Io lo ho trasformato in tavolino per il the, invece di appenderlo al muro, causa mancanza di spazio.


30 commenti:

  1. OLa caro amigo,não importa que se repita nos comentários,é sempre um prazer muito grande ouví-los e saber que estas gostando das musicas.Fico muito feliz em receber tuas visitinhas.Sabes,fiz esta viajem á uns anos atrás,e ainda não cheguei á conclusão de saber se gostei ou não.Quando fiz aquela visita que dão o raminho de alecrim,quase tive um ataque do coração.Fiquei revoltada e enojada.Parece mentira,mas ainda não conseguimos as partituras das musicas que me sugeristes,mas estamos atras. Uma bela semana e um grande abraço a todos da família,principalmente á tua esposa que deve ser uma grande pianista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Suzane, spero di aver capito tutto bene. Sono contento di sapere che se anche i miei commenti ripetono le stesse parole, siano ben accetti. Credo poi di comprendere che anche tu sei stata a Meknes e che ti hanno dato il rametto di rosmarino. Per quello che io ti ho suggerito, non preoccuparti, hai tutto il tempo di decidere se vuoi studiarli, utilizzarli o no. Non mi offenderò sicuramente. Buona giornata.

      Elimina
  2. ciao Elio,
    che foto!!
    Sai che le foto della conceria sono di una forza!
    Deve essere un lavoro molto molto faticoso.
    Grazie, è sempre un piacere viaggiare con te!
    Un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai apelaboriosa, sinceramente non so la percentuale di mortalità che ci sia tra questi operai, ma sicuramente non vivono troppo a lungo. Accetto il bacio e, naturalmente, ve ne invio quattro.

      Elimina
  3. Elio come sai ci sono stata quest'anno a maggio e tutto questo l'ho visto anche io. Fra i vari post che ho inserito nel mio blog, mi sono persa nelle foto del marocco e le ho sempre da postare.
    Vderle qui da te è stato un bel ritorno a qualche mese fa. grazieeee
    ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che eri partita in vacanza, ma non sapevo dove. Spero che tu abbia passato delle bellissime giornate, come le ho passate io. Sono stato in Marocco un mese di Aprile, perché con il Maggio che hai scelto tu, sono i due mesi migliori. Aspetto di vedere le tue foto se decidi di postarle.

      Elimina
  4. Originale l'idea del "vassoio tavolino". Giustamente ci mostri anche la zona dei negozi. È praticamente impossibile visitare un paese senza che la tua compagna ti trascini a visitare tutti i negozietti e i bāzār del Paese in cui ti trovi. :-)
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico, a parte la compagna, bisogna anche tener presente che, probabilmente, le guide hanno un certo interesse a far spendere i turisti. Bisogna però fare molta attenzione agli acquisti.

      Elimina
  5. un ritorno al passato...io ho visto quella di Fes e il rametto era di menta per coprire il "profumo" dovuto all'acido urico che viene usato ancora oggi, vita grama quella dei lavoratori in quei luoghi(ci raccontavano che quell'odore se lo portano dietro e li identifica ).
    Molto belle le foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana, in quello di Fes non sono entrato perché mi era bastato esserci a Meknes. Certo che è una vita grama per i lavoratori e tra l'altro sono convinto che la loro salute rimanga minata durante tutta la vita, visto che lavorano immersi nel liquido. Posso capire che l'odore se lo portino dietro perché anche gli oggetti comprati lo mantengono per un certo periodo di tempo. Ho dovuto gettare un puff che non voleva assolutamente perderlo. Grazie per il complimento.

      Elimina
  6. Se le pubblico io le fotografie del Marocco sono quelle che ho preso da Fotopedia: però, non immaginavo prima di averle quante cose interessanti ci sono in quel, comunque, tormentato, Paese.

    RispondiElimina
  7. Ciao Adriano, è vero che recentemente anche lì ci sono stati dei "movimenti", ma in ogni caso è ancora il paese nord-africano che ha meno problemi, rispetto a Tunisia, Egitto, Iraq, Iran e Siria. Grazie della visita e, questa sera, arrivo da te.

    RispondiElimina
  8. Marrocos é um sonho a ser concretizado!!
    Amei as fotos e por renovar meu sonhos e objetivos com essa sua linda postagem.
    Tenha uma linda 4ª feira.
    Beijinhos de luz.
    Lua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché solo un sogno? Un giorno o l'altro i sogni si realizzano. Grazie Lua della tua visita e anche a te una buona settimana.

      Elimina
  9. Caro Elio, ci credo che non hai spazio in casa tua; con tutti i viaggi che hai fatto, sicuramente i souvenirs saranno pure tanti.

    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna, ho viaggiato, questo è vero, ma sempre in un cerchio ristreto. Avrei voluto visitare il mondo, ma credo che ormai sia troppo tardi, anche se, come affermo, non si sa mai. Buona serata anche a te ed a presto.

      Elimina
  10. Bel servizio Elio,ho notato che conciano la pelle ancora come facevano gli antichi romani,e da quel che vedo ci sono anche le vasche per i colori,sempre all'antica....capisco il rosmarino ma non credo sia servito molto:-)
    Per il resto nulla di nuovo anche nei nostri posti turistici i negozietti appioppano "veri" falsi del luogo:-))
    Ciao,buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' esatto Franz, la stessa procedura e gli operai lavorano immersi nel liquido colorato sino alle coscie. Come dice Adriana, alle volte danno anche delle foglie di menta, ma, in ogni caso bisogan turarsi le narici. Per i "ricordini" hai ragione perché oggi, anche a Venezia, ti vendono delle gondoline di plastica fabbricate in Cina. Buonanotte.

      Elimina
  11. Não conheço Marrocos mas as fotos fizeram-me lembrar a minha viagem à Tunísia. Boa noite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, Elisabete, segui anche i futuri post che farò sul Marocco e lo conoscerai meglio. Penso che oggi non sia il momento di tornare in Tunisia. Bom dia.

      Elimina
  12. Ciao Elio... Ti rispondo qui. Anche noi avevamo la barca a vela, ma quando è nato mio figlio l'abbiamo venduta. Grazie per il tuo commento. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK, Ale, io, a parte la barca ho anche dovuto vendere una caravan di 6 x 4 metri che usavamo per le vacanze quando abitavamo in Italia e venivamo in Francia per le vacanze. Sono sempre stato un campeggiatore ed avevo cominciato con una tenda a casetta. Ora, vista l'età preferiamo i bungalow o gli alberghi.

      Elimina
  13. Ottimi scatti e sempre bello viaggiare.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che è bello viaggiare, ma alle volte siamo costretti a rinunciarci per varie cause. L'anno prossimo mia moglie ed io ricominciamo i viaggi perché abbiamo trovato dei vicini che potranno curare i nostri gatti. Un caro saluto anche a te.

      Elimina
  14. che meraviglia, foto davvero bellissime e che viaggio stupendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, ma, per il momento siamo a circa metà del giro che mia moglie ed io abbiamo fatto. Fra poco si affrontano le montagne.

      Elimina
  15. Bon giorno Elio,
    mitico Marocco, meraviglioso, forse un giorno andro li ..!
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene, Carolina. Forse, se tutto va bene ci torniamo l'anno prossimo o nel 2014. Vedremo.

      Elimina
  16. belle le foto dei tintori di pelli

    RispondiElimina